Corsa ad ostacoli

Le due notizie di stamattina, che a Roma non si può presentare la lista di Stefano Fassina (estrema sinistra) e a Milano è stata rifiutata Fratelli d’Italia (che appoggia Parisi) sono abbastanza inquietanti. Anche perché fatalmente vanno entrambe nella stessa direzione:  finiscono per favorire il Pd, cioè il partito di governo. A pensar male si fa peccato ma a volte ci si azzecca…

Guarda caso a Roma il candidato renziano Roberto Giachetti è debolissimo e, senza un’alternativa a sinistra messa fuori gioco, è avvantaggiato in una gara che tutti i sondaggi lasciano quanto mai aperta. A Milano, anche qui i sondaggi sono chiari da diverse settimane, è in piena rimonta l’outsider di centro destra Stefano Parisi. La bocciatura della lista di destra rischia di porta vcia qualche punto in percentuale prezioso nella gara al fotofinish con Beppe Sala.

Queste due decisioni non sono definitive, anche perché Fassina e il FdI hanno presentato ricorso. Speriamo che possano davvero concorre tutti in questa corsa ostacoli.

Senza aiutini.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Corsa ad ostacoli

  1. Buongiorno
    Caro dott. Banfi, il paese è sotto dittatura e credo che questo atteggiamento, sia ormai noto alla maggior parte degli Italiani. Il Pd è ormai il padrone incontrastato del paese e rimuoverlo sarà un compito molto complicato, se non impossibile. Tanto di cappello all’imbonitore toscano che grazie alle sue promesse mai mantenute è riuscito, dove altri prima di lui hanno letteralmente fallito. In un paese come il nostro, dove non mancano certo i boccaloni, non è poi tanto difficile riuscire a indottrinarli a dovere. Ci troviamo difronte, al più grande colpo di Stato portato a termine senza usare la violenza fisica, ma solo quella psicologica. Le prossime mosse di Pinocchio sono due, ma molto importanti. La prima è quella sulle coppie di fatto e di come potranno realizzare il proprio sogno di adottare un bambino. La seconda ma non meno importante è la vittoria del Pd a Roma e Milano. Due piazze notoriamente calde e importanti per il proseguo degli interessi dello stesso Pd. Avere il potere su due città così importanti e avere la possibilità di manipolare l’intero sistema politico delle stesse è fondamentale per il partito e per chi dovrà dividersi gli utili. Perchè quello che conta è sempre quello. Il potere e la distribuzione delle mazzette. Sindaci, assessori, politici, ecc,ecc, pronti ad azzannare il sistema economico e strutturale delle città, diventandone i proprietari. E che nessuno mi venga a dire che tutto questo è solo il frutto della mia fantasia. Negli ultimi giorni, siamo stati testimoni di vari avvisi di garanzia che hanno toccato personaggi che ho appena citato, in vari comuni d’Italia. Ribadisco. Tanto di cappello a un personaggio del genere. Nemmeno Berlusconi è riuscito a indottrinare gli Italiani, nonostante avesse mezzi a sua disposizione, infiniti. Pinocchio è molto vicino alla politica di Bettino Craxi. Tutti i punti nevralgici del paese, dovranno avere il simbolo del Psi. Su una cosa, credo che Mr.Bean abbia sbagliato o per meglio dire, non abbia calcolato. Con il grande Bettino, tutti stavamo bene, anche se vivevamo al di sopra delle nostre possibilità. Oggi con il Pd, il paese è sull’orlo del fallimento e le famiglie non arrivano più a fine mese. Sono certo che un giorno arriverà la resa dei conti, perchè nulla dura in eterno. Buona giornata.
    Cordialmente.

  2. Io spero sinceramente di non sbagliarmi ma credo che tutto questo caos faccia ancora di più staccare gli elettori su questo e quel candidato, ma ancor di più è la sfiducia totale verso questa politica talmente lontana dalla gente che vuole chiarezza e non star hollywoodiane a candidati sindaci nelle due città importanti come roma e milano!!!. Su roma poi c’è un grande lavoro di pulizia da fare, ma più importante si debba risanare bilanci incontrollati da malgoverni precedenti; riguardo le olimpiadi sono forse pericolose nell’ottica di infiltrazioni più o meno lecite!. Ecco perchè più che un sindaco ci voglia un manager………………così prima si parte dai numeri,e poi forse cominciare a pensare al resto!. Almeno questo è il mio pensiero che possa piacere o nò!!!!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *