Angoscia europea

Ieri il pullman dell’Erasmus con le 7 bellissime e perdute studentesse italiane. Oggi la spaventosa catena di attentati di Bruxelles. L’Europa ci mette l’angoscia. Non ci eravamo ancora ripresi dallo sconcerto per l’ingiusta morte delle studentesse in gita in Catalogna, quando stamattina è tornato prepotente l’incubo del terrorismo di marca islamista nel cuore del nostro continente.

Sono attentati spaventosi che quando scriviamo arrivano a contare 34 morti e 200 feriti, fra cui alcuni italiani. Sono attentati in qualche modo previsti dalla polizie belga e francese che nelle ultime settimane avevano lanciato un allarme. Lo stesso arresto di Abdeslam Salah, la primula rossa del Bataclan, accaduto lo scorso 13 novembre a Parigi, compiuto venerdì scorso sembra il fatto cui l’azione terroristica di oggi ha risposto.

Certo, gli attentati erano pronti da tempo, programmati, studiati non solo negli ultimi giorni. Gettano un’ombra inquietante sulla mancata attività dei servizi di sicurezza. In questi casi può esistere solo la prevenzione e l’intelligence. La difesa contro i kamikaze è impossibile, altrimenti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Angoscia europea

  1. A mio parere l’unico modo per fermare questi invasati e indottrinati dalla testa ai piedi, debba essere il completo isolamento di quei paesi che dietro la buona faccia distribuiscono armi e tutto quanto necessiti a questi invasati!!!!!!!!!!!!!!!!.Lo uso di nuovo questo termine perché secondo me si rispecchia in ciò che rappresentano!, non sono islamici, musulmani………………e manco si debbano definire tali. Si tratta di persone che fin da piccoli sono strappati ai loro cari, manipolati e quindi soggiogati mentalmente a guerre o jihad visibili solo nei piccoli cervelli dei loro aguzzini!. Penso sia giusto fare differenza fra loro e i veri musulmani che si integrano tranquillamente, io ho come vicino di casa un siriano di religione musulmana…………………rammento il primo incontro avuto con lui e famiglia, dicendomi la sua appartenenza. Io risposi con tranquillità a lui, non mi interessa!……………….la cosa importante è andare d’accordo fra persone civili!. Da quel giorno nessun problema e anzi…………..con le sue tre figlie e moglie è nata amicizia, rispetto e comprensione reciproca. Quando appunto capitano queste nefandezze, anche lui si domanda il perchè!!!!!!!!!.

  2. Buonasera.
    Caro dott. Banfi, due avvenimenti completamente opposti tra di loro e sicuramente uno dei due, ragionevolmente evitabile. Uso questa parola, perchè spesso l’avidità di facili guadagni e l’imprudenza di molti datori di lavoro, prende il posto alla ragione e al buon senso. Autisti ultra sessantenni, costretti a innumerevoli ore di lavoro, al volante di pullman carichi di persone. Spesso pagati in nero e senza un minimo di controllo sulla loro salute. C’è anche chi manomette il cronotachigrafo, aumentando senza controllo le ore alla guida. Tutto questo per non pagare il secondo autista e avere un maggiore guadagno. Ma questo non è il fulcro della discussione. Una cosa è un incidente stradale evitabile, un altra è un attentato portato a termine per colpire volontariamente il cuore di un paese. Perchè essere angosciati da un fatto del genere ? è una cosa che ci aspettavamo. L’unica cosa che non conoscevamo è quando e dove avrebbero colpito. E purtroppo dovremo vivere il resto dei nostri giorni, rimanendo all’oscuro sul proseguo delle loro azioni. Questo può risultare angosciante. La certezza di uscire di casa, senza sapere se torneremo a casa alla sera. Non credo che l’attentato che ha colpito la capitale belga, sia stato programmato da tempo. Entrare in un aeroporto con una valigia colma di esplosivo è un gioco da ragazzi, la cosa difficile è passare il controllo per l’imbarco. Per portare a termine tutto questo, non ci vuole una preparazione da professionista. Credo che anche il terrorismo, avremmo potuto evitarlo, ma questa opportunità ce la siamo giocata molti anni fa. L’intera Europa, non ha mai preso sul serio, la pacifica invasione di clandestini che per anni ha colpito i paesi che hanno usato la tolleranza, solo ed esclusivamente per fini elettorali e questo è il risultato. Generazioni di ragazzi nati in Occidente, trasformati in nome di Allah in terroristi, pronti a emularsi per l’odio incontrastato nei nostri confronti. Gli sbagli dei nostri politici, in passato e attualmente, hanno rafforzato i loro piani di distruzione e morte nei nostri confronti. Hanno uomini ovunque e possono colpire, quando e come meglio credono. Fermarli, non sarà facile ma impossibile. La cosa agghiacciante è vedere un partito come il Pd, che ancora oggi sceglie di tutelare chi entra abusivamente nel nostro paese, consapevole del fatto che molte di queste persone, un giorno saranno pronte a tagliarci la gola. Non conoscendo vergogna e usando l’unica cosa che li contraddistingue, l’ipocrisia, dopo i fatti di Bruxelles, alcuni di loro hanno avuto il coraggio di piangere in diretta televisiva e di mostrarsi disgustati, da quello che è successo. Caro Alessandro, non aggiungo altro, diventerei volgare. Buona serata.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *