La guerra in Libia è già cominciata

“Cinquemila uomini”, dice questa mattina l’Ambasciatore americano. Ma non è un fatto di numeri (anche se diventerebbe il primo impegno italiano dalla Seconda guerra mondiale), quanto di sostanza: soldati italiani sul territorio libico. Si dirà: a garantire la pace e il legittimo Governo libico che ci chiede di intervenire. E tuttavia sempre di guerra si tratta.

Sono finite le discussioni. Ci troveremo faccia a faccia con l’esercito dell’Isis, l’avamposto libico dei 100mila guerrieri del Califfato che dominano parte dell’Irak, della Siria, della Libia. La terribile morte dei nostri due operai, Piano e Failla, rapiti e ostaggi dal luglio scorso, ha dato il segnale d’inizio. La pressione Usa per un nostro intervento è altissima.

Forse è tardi, ma il nostro Governo dovrebbe chiedere garanzie. Garanzie che si faccia davvero guerra all’Isis, che i nostri interessi strategici siano salvaguardati nella regione, che gli italiani abbiano autonomia nelle scelte politiche e militari delle prossime settimane.

La guerra è sempre sbagliata, anche quando sembra inevitabile.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “La guerra in Libia è già cominciata

  1. Ecco che siamo quì ancora immersi nelle guerre altrui, come nel risiko siamo pedine che rispondono ai comandi!…………..non abbiamo imparato nulla!. Ora vedremo e già sentiamo di possibili attacchi da noi, ma per forza dico io!…………..se arrivano a frotte senza controlli o altro!?. L’essere umano conosce solo una via e pare che gli piaccia pure!, GUERRA e solo quella……………siamo proprio stupidi!. Ho ancora in mente i vari discorsi su come sia stato sbagliato eliminare il colonnello GHEDDAFI da tutti definito barbaro e dittatore. Ok! ma faceva da parafulmine a suo modo nei confronti di queste cellule, perchè allora erano tali; invece adesso l’evoluzione di esse spadroneggiano su tutto e tutti. Va beh, le mie parole sono state già dette e potrà sembrare retorica; ma ciò è realtà!.

  2. Buonasera.
    Caro dott.Banfi, le guerre hanno sempre fatto parte di questo mondo e purtroppo sarà così per sempre. Ci sono paesi che non rinunceranno mai alle guerre, giusto per dimostrare la loro potenza bellica, altri paesi sono chiamati a farle per motivi di appartenenza e di storia passata. L’Italia, come altri paesi della CE, aderisce da sempre alla Nato e non può certamente farsi da parte. Se aggiungiamo il fatto che la Libia è a un tiro di schioppo, dalla nostra penisola, dovremmo capire che alternative a una guerra, non ne esistono. Con il terrorismo, non ci sarà mai un intesa. In questo momento, il paese arabo è terra di nessuno, comanda solo ed esclusivamente la paura. L’Isis ha uomini ovunque e le persone oneste, non hanno alternative. L’unica cosa rimasta da fare è scappare al più presto dal paese. Nonostante tutto, il nostro paese rimane ancora il paese del Bengodi e sono convinto che all’inizio della bella stagione, gli sbarchi verso il nostro paese aumenteranno in maniera considerevole. Cinquemila uomini, non sono un gran che, ma dovrebbero bastare per bloccare i barconi in procinto di salpare. Questo è almeno quello che spera una parte del paese. Sono certo che ci sarà una parte di Italiani, che non sarà felice e non c’è bisogno di dire di chi si tratta. Li conosciamo tutti molto bene. Ma non voglio parlare di loro. Caro Alessandro, su una cosa non mi trova d’accordo con lei. Il nostro Governo dovrebbe chiedere garanzie ? mi scusi, ma chi sarebbe la persona che dovrebbe dare delle garanzie ? ci presentiamo a fianco degli Stati Uniti, per combattere il terrorismo Islamico, in un paese prevalentemente Musulmano e qualcuno dovrebbe darci delle garanzie ? mi sembra alquanto improbabile. La Libia è sempre stato un paese con cui l’Italia, ha portato a termine numerosi e cospicui contratti commerciali. E’ anche vero che la montagna di soldi e i privilegi che il nostro paese ha stanziato a Gheddafi, non sono serviti a placare la sua arroganza verso gli Italiani. Soldi sottratti, tenendoci sotto ricatto. Grazie ai nostri politici, sprovvisti di attributi. E per politici, intendo tutti, di destra e di sinistra. Personaggi che non hanno mai considerato il potere carismatico del Colonnello. Condivido pienamente quello che ha detto l’amico Gianfranco. Gheddafi faceva da parafulmine alle celle del terrorismo e non so come, riusciva a tenerle a freno. Ovviamente, non sempre ci è riuscito. E’ chiaro che in questo momento la Libia abbia bisogno di aiuto. Il rischio di un genocidio è molto elevato e difronte a veri e propri invasati, abbassare la guardia sarebbe un errore imperdonabile. Sono dell’idea che non sempre la guerra è sbagliata. In questo caso, l’Italia è difronte a una scelta ben precisa. Lasciar perdere i nostri interessi in Libia e muoversi militarmente, o accettare (abbassando il capo) a una vera e propria invasione senza precedenti. Sicuri, che dal momento che metteranno piede sul nostro paese, nessuno riuscirà mai, a mandarli via. Buona serata.
    Cordialmente.

  3. Ora si è felici nei confronti dei 2 ostaggi liberati e se il prezzo siano stati gli altri 2 è inconcepibile!, però nessuno ha la certezza di fatti accaduti là. Se poi liberati da soli o via riscatto?………….siamo sempre lì a domandarci se questa nazione all’estero conti qualcosa?. Ebbene a dimostrazione vi sono i due marò, per cui sono qui e mi rattristo molto anche non conoscendoli; ma italiani sono e lo saranno sempre!. Ora i nostri politici che fanno?, andare in libia?………….non sapete risolvere i problemi a casa vostra e cosa pensate di fare là?. Ecco renzi chiamare in causa il parlamento!; come!…………quando c’è strada spianata vai avanti da solo!, mentre ora chiedi al parlamento?. Scusi ma il presidente del consiglio chì è?………………nonna papera?, come si dimostra all’intera nazione la propria forza!………….che pena!. Già nessuno vi ha votato e queste sono le conseguenze di un fantasma che si aggira nei palazzi dei balocchi ma esce solo a gozzovigliare quando c’è il sole, prendendosi meriti e onori. Adesso cui servono decisioni forti, lui che fà?……………sentiamo il parlamento!, troppo bello così!!!!!!!!!!!!!!!!!. Ora le bugie arrivano alla fine del tuo naso lungo lungo, e quindi guadagnati il tuo fantasmagorico stipendio!!!!!!!!!!!!!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *