Dove Putin ha ragione

Il presidente russo Vladimir Putin sarà nelle prossime ore in Italia. Prima all’Expo a Milano, poi a Roma da Mattarella, da Renzi, quindi da Papa Francesco.  La sua missione arriva proprio dopo un G7, riunito in Germania, all’insegna dellla polemica di Obama contro la Russia. Il presidente americano ha accusato Putin di voler rifare l’Impero sovietico.

Da parte sua, il Presidente russo si è rivolto ai leader occidentali attraverso un’intervista al Corriere della Sera, proprio alal vigilia dell’inizio dei lavori dei Sette Grandi. Due cose mi sono sembrate particolarmente assennate in quel colloquio. La prima: “Le spese militari degli Stati Uniti sono superiori alle spese militari di tutti i Paesi del mondo messi assieme. Quelle delle Nato sono 10 volte superiori a quelle della Federazione Russa”.

La seconda: “Vicino alle coste della Norvegia ci sono sommergibili americani in servizio permanente. Il tempo che ci mette un missile da quei sottomarini a raggiungere Mosca è 17 minuti. (…): Solo una persona non sana di mente può immaginare che la russia possa attaccare un giorno la Nato… “.  

Putin parla all’Italia, viene in Italia perché sa che fra i cosiddetti 7 Grandi siamo forse quelli che sperano di più in un nuovo dialogo, nella fine delle sanzioni.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

4 risposte a “Dove Putin ha ragione

  1. Buonasera.
    Penso che Putin, abbia capito come stanno le cose e la prova di quello che affermo è il fatto che, non passa giorno che Obama, non perda l’occasione di sparare a zero su tutto quello che dice il leader russo. Una volta, si chiamava Guerra Fredda, oggi le cose si stanno mettendo su un piano non certamente entusiasmante. La Russia, non ha più libertà di movimento come in passato e ogni sua mossa, deve essere analizzata dalla CE e dagli Stati Uniti. La guerra in Ucraina è uno dei tanti tasti dolenti che le due superpotenze, hanno dovuto gestire, usando per modo di dire, tutta la diplomazia disponibile. Sembra che la cosa abbia funzionato ma, Putin certamente non l’ha digerita. I Russi, residenti in Ucraina e ovviamente vicini a Putin, si sono sentiti in serio pericolo e come giusto che sia, hanno obbligato lo stesso Putin, a dichiarare guerra all’Ucraina. Le conseguenze, le abbiamo viste tutti. Se non ci fosse stato, l’intervento verbale degli Stati Uniti, oggi il paese, non esisterebbe più. Ovviamente anche la CE, ha voluto fare la sua parte. La Merkel, non ha perso l’occasione per dimostrare ancora una volta, la sua insaziabile voglia di protagonismo. Tutto quello che succede in Europa, deve avere la sua approvazione, o come in questo caso, la sua disapprovazione. Mi auguro di cuore che un giorno la sua onnipotenza, porti la stessa Merkel e la Germania intera a un vero e proprio flop. Se lo meriterebbe. Credo che la Cancelliera, abbia vinto una battaglia, ma non certamente la guerra. Putin non è certamente un personaggio da sottovalutare e sono certo che la sua rivincita, non si farà attendere a lungo. Sono pronto a scommettere che entro due anni, i paesi che vorranno uscire dall’ Eurozona, non saranno pochi. Parlare di Impero Sovietico, mi sembra totalmente fuori luogo. Certamente Putin, ha le idee ben chiare e riportare il suo paese ai fasti passati è senza dubbio un suo obbiettivo. Stò parlando anche degli armamenti. Quelli attuali sono obsoleti, ma i mezzi economici per ricostruirli, non credo siano un grosso problema. Stiamo ancora parlando, della seconda potenza bellica mondiale. Le spese militari Americane, sono in continuo aumento e questo Putin, non lo digerisce. Il fatto che ci siano dei sommergibili Americani in Norvegia, pronti ad ogni evenienza, non deve essere un fatto molto rassicurante. Per il resto del mondo, non deve essere di auspicio sapere che basta un bottone, per scatenare la Terza guerra mondiale. Detto questo, credo che gli interessi economici dell’Europa e degli Stati Uniti, siano i veri responsabili di tutto questo malumore. Putin in questo caso ha ragione da vendere. Perchè limitare i movimenti della Russia e lasciare gli Stati Uniti, liberi di agire come meglio credono ? non sono un diplomatico ma perchè deve essere sempre lo stesso bambino in braccio alla mamma ? buona serata.
    Cordialmente.

  2. Marco, ma cosa stai scrivendo “Perchè limitare i movimenti della Russia …” ??? Sembra parole dell’atro mondo ! Ti rispondo: se il mondo civile, o quello che si chiama tale non ferma il terrorista-zar Putin quello dopodomani arriva ai confini italiani a proteggere i russi residenti e “oppressi” in Italia ! Preparati a venire a Goriza per salutare l’esercito russo. Loro già oggi esclamano.”Oggi Crimea, domani Roma” ! Vuoi le prove ?? Ecco: http://echo.msk.ru/blog/day_photo/1543222-echo/

  3. Buonasera.
    Caro dott. Banfi, dopo le ultime notizie sul fronte Americano, per la prima volta in vita mia, non nascondo la mia condanna nei confronti di Obama. Stiamo parlando di un personaggio che è stato insignito del premio Nobel per la pace e ora, si appresta a mettere in campo uomini e mezzi, per contrastare le mosse di Putin. Non crede che una mediazione diplomatica, fosse la cosa migliore ? stiamo parlando della Russia, certamente un paese preparato militarmente a un eventuale conflitto. Parlare di Terza Guerra Mondiale, mi sembra esagerato ma, il fatto che Obama, stia giocando con il fuoco è certamente una cosa che a dell’incredibile. Ieri, quattro Mig, hanno sorvolato intorno a una portaerei statunitense e questo è un segno di come le cose, si siano messe. Altro che Guerra Fredda ! continuando di questo passo, saremo testimoni di un vero e proprio conflitto. La paura di Obama è forse quella di vedere la Russia che invade i paesi dell’Europa dell’est ? certamente per Putin sarebbe un gioco da ragazzi ma, il prezzo da pagare sarebbe molto alto. Altro punto strategico per entrambe le potenze è senza dubbio il Mare Glaciale Artico, ricco di petrolio. I paesi pronti ad estrarlo, non sono pochi. Indubbiamente il petrolio, sarebbe la ragione di tutto questo movimento ma, dobbiamo anche verificare, quanto tempo dureranno le sanzioni contro la Russia, volute principalmente da Obama, come punizione per i fatti accaduti in Ucraina. Fatti che hanno coinvolto l’intera Europa. Ma, allo stesso tempo hanno fatto imbestialire il leader Russo. Europa che sa benissimo che prima o poi, dovrà schierarsi, da una parte o dall’altra. Gli alleati della Russia ( Cina, Corea del Nord, ecc.) non staranno certo a guardare. Quando la torta è grande e importante, tutti ne vogliono una fetta. Ora, non sarebbe saggio vedere cosa intende fare Putin ? e prima ancora di riempire i mari di sommergibili e corazzate, lasciare libertà di movimento alla Russia e vedere cosa effettivamente vuole fare ? credo che sarebbe un comportamento saggio e prudente ? si eviterebbero inutili scontri bellici e si tutelerebbero le persone che come al solito, pagheranno per quello che non hanno mai fatto. La linea che divide la pace dal conflitto è molto sottile e gli addetti ai lavori, devono fare di tutto per scongiurare una catastrofe. In caso contrario, sarà la fine di tutto. Buona serata.
    Cordialmente.

  4. Buonasera.
    @ Ivan.
    Dal suo commento è facile intuire che Putin, abbia intenzione di scatenare la Terza Guerra Mondiale.Invadere l’Italia, non è come invadere l’Ucraina. E non stò parlando militarmente. Il nostro paese fa parte della CE e questo significherebbe, coinvolgere l’intera Europa. Il risultato, sarebbe prevedibile.Da sempre gli Stati Uniti, sono intervenuti in cose che spesso, non erano di loro pertinenza e da sempre ho condiviso le loro mosse. Ultimamente Obama, ha sbagliato e quello che dico, non è provato da un sito internet ma è sotto gli occhi di tutti noi. Bombardare la Libia è stato il peggior errore, grazie al quale, l’Italia si trova a convivere con un orda di profughi che giornalmente, entrano nel nostro paese. Per anni gli Stati Uniti hanno armato i terroristi dell’Isis ma oggi, stranamente sono diventati i loro peggiori nemici. Ed ora, puntano i cannoni contro Putin. Solo perchè la Russia ha dichiarato guerra all’Ucraina ? cosa pensa Obama, che la gente abbia le fette di prosciutto su gli occhi ? caro Ivan, da sempre sono contro il comunismo ma questa volta, dare la colpa a Putin, mi sembra fuori luogo. Il primo nostro nemico è la stessa Europa che in pratica ci ha abbandonato. Basta vedere i fatti che coinvolgono gli imigrati, per vedere come l’Europa ci tenga in considerazione. Sottostare a gli ordini degli Stati Uniti e dell’Onu è uno sbaglio che pagheremo molto caro, sopratutto in termini economici. Obama, non può decidere il futuro dei paesi alleati ma, allo stesso tempo comportarsi come meglio le fa comodo. Dorma sonni tranquilli caro Ivan. Piuttosto non abbassi la guardia verso gli imigrati che girano tranquillamente nella sua città, senza averne il diritto. Quella è la vera emergenza. Buona serata.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *