Renzi e Grillo, spregiudicato duetto

Si riavvicinano Renzi e Grillo? A leggere i giornali parrebbe di sì. Beppe Grillo ha dato un’intervista al Corriere della Sera, sì proprio al giornalone della borghesia milanese, in cui ha aperto ad un possibile dialogo col Pd. Soprattutto sulla Rai e sul reddito di cittadinanza. Si è detto persino pentito dei divieti televisivi imposti ai suoi…

Sarà una cosa seria? Difficile dirlo oggi. Adesso, certo un dialogo iniziale serve a tutti e due. Renzi, dopo aver ostentato sicurezza dopo la rottura del Patto del Nazareno, si rende conto sempre di più che l’attuale maggioranza fa acqua da tutte le parti. Senza l’ex Cav. è molto fragile. Grillo, dopo la relativa batosta delle Europee e soprattutto la continua emorragia dei suoi, ha bisogno di uscire dallo splendido isolamento in cui è finito.

Ma possono due debolezze generare una forza?

Non si tratta semmai di un gioco molto spregiudicato di due leader, che vorrebbero strumentalizzarsi a vicenda?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Renzi e Grillo, spregiudicato duetto

  1. E se al tempo del governo Monti…… Napolitano avrebbe imposto di fare solo e dico solo una buona legge elettorale e poi subito al voto, l’Italia non sarebbe andata in questo pantano, avrebbe avuto un governo stabile con responsabilità, gli eletti con tutte le colpe o elogi e non con la colpa sempre degli altri. Con tutte queste beghe hanno fatto una figura meschina verso altri stati europei, però ne hanno trovato profitto solo loro a scapito del popolo italiano. Caro Banfi lo avevo scritto in un suo blog a quel tempo, era solo un mio pensiero, ma penso di non aver sbagliato.

  2. Buongiorno.
    Caro dott. Banfi,
    vedo difficilmente attuabile, una collaborazione tra i due gruppi politici. E le spiego il perchè di tuttoquesto. Il comico genovese, doveva essere il punto di ripartenza per l’intero paese ma, purtroppo i problemi che gravitano sul paese stesso, hanno dimostrato che, con battute da cabaret, non si va danessuna parte. I voti presi in campagna elettorale, sono stati il frutto di un attacco su tutti i fronti, da parte di un uomo che, avendo un esperienza trentennale in televisione è stato capace di entrare nelle simpatie degli Italiani, ormai orfani di un vero partito guida. Ovviamente, una buona parte degli elettori, si è affidato alle innumerevoli battute, spesso volgari, nei confronti di tutto il sistema politico.con questo, non voglio dire che, Grillo ha sbagliato anzi, quello che dichiarava era giusto e le offese portate nei confronti dei poteri forti, erano provate e giustificate. Ha sparato a zero, anche contro Mr. Bean e contro l’intero Pd ma, purtroppo tutto questo gli si è rivoltato contro, come un boomerang. La gente, ha capito che, le parole non bastano a risollevare le sorti di un paese, ci vogliono i fatti. E purtroppo, di fatti, se ne sono visti molto pochi. Pensare che, un comico possa ribaltare un sistema che ha radici profonde all’interno di un paese è follia allo stato puro. Voglio ricordare che, Grillo ha sempre detto che, non farà nessun tipo di alleanze con partiti vicini ai poteri forti. Se malauguratamente, questo succederà, il M5S si brucierà con le sue stesse mani. Sarà la fine di tutto. Un’altra cosa, non meno importante. Grillo, da sempre è contrario all’Euro e alla permanenza in Europa e a questo punto mi chiedo come possa condividere delle idee politiche, con un partito che, fa dell’Euro e della CE, il suo cavallo di battaglia. Su l’imbonitore toscano, non mi esprimo. Sa benissimo come la penso in proposito. La nullità allo stato puro. Per le idee sull’Europa e sull’Eurozona, vedrei bene una collaborazione, M5S – Lega. In fin dei conti, hanno due leader che, non usano mezzi termini per andare al punto. L’importante è riuscire a cominciare a smuovere le tonnellate di letame che, ormai da anni, ricoprono l’intera penisola. Un caro saluto.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *