“Sempre cose nuove”

Sarà scontato ma penso che sia giusto fare a tutti voi gli auguri per un Santo Natale e per un 2015 felice e pieno di novità. La Nascita è un dono assoluto, un Avvenimento di vita. Avvenimento che, ci crediate o no, è un Fatto della storia. Nella sua povertà della mangiatoia di Betlemme. Per farvi gli auguri però prendo spunto da una mostra che ho appena visitato a Milano.

Titolo: Klein-Fontana, è fino al 15 marzo al Museo del Novecento, dentro l’Arengario, in piazza Duomo. Klein è stato un grande artista, che partendo dal cielo affrescato di Giotto, ha lavorato tutta la sua vita sul Blu. Ad un certo punto lo ha brevettato col nome di International Blue Klein. Nell’ultima grande sala della mostra c’è un ex voto che lui, cattolico devotissimo, aveva lasciato nel Santuario di Santa Rita, e che le suore, lì a Cascia, hanno ritrovato molto tempo dopo. Sentite che cosa aveva scritto:

“Santa Rita da Cascia, io ti chiedo di intercedere presso Dio Padre Onnipotente perché mi accordi sempre, in nome del Figlio Gesù Cristo e in nome dello spirito Santo e della Santa Vergine Maria, la grazia di animare le mie opere perché esse divengano sempre più belle e inoltre la grazia che io scopra continuamente e regolarmente sempre cose nuove nell’arte ogni volta più belle, anche se purtroppo non sempre sono degno di essere un utensile per costruire e creare della Grande Bellezza. Che tutto ciò che viene da me sia bello. E così sia”.  

Questo grande artista sapeva che la vita è un dono, e che tutto il problema dell’esistenza è accorgersene.

Auguri a tutti!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a ““Sempre cose nuove”

  1. Diciamo che pure io avrei tante preghiere e sogni da realizzare e l’unico dono che vorrei in terra è solo un lavoro che mi faccia di nuovo sentirmi utile come una volta,sò di non essere l’uno fra i molti che lo cercano però penso che questi 5 anni senza possano bastare?.Penso che con la mia storia fra le tante che è nata da una mia decisione sofferta ma obbligata in quel frangente di vita e momento,poi come tutte le scelte si deve fare i conti tra i pro e contro………………………..ma non voglio affliggere nessuno con il seguito ma solo augurare a tutti voi e a lei complimentandomi di nuovo per il suo lavoro e articoli che mi tengono compagnia,un buon anno!.

  2. Buonasera.
    Caro dott. Banfi.
    Sono totalmente d’accordo con il maestro Klein. La vita è un dono, per i credenti e per chi come me, non ci crede. Anche noi atei, abbiamo un senso di rispetto per la vita ma, quello che sta succedendo in questi anni bui, ci riporta inevitabilmente all’età della pietra. Molte persone, si sono dimenticate che la vita è un dono e giornalmente, giocano alla roulette russa con la stessa, senza minimamente pensare alle conseguenze. Non passa giorno, senza vedere un omicidio o una violenza fisica, messa in atto, solo per il gusto di vedere soffrire una persona. L’autodistruzione è in atto e presto ci troveremo di fronte alla resa dei conti. Ci sono Paesi (tra cui l’Italia) in via d’estinzione. Le nostre radici, la cultura, si stanno lentamente sgretolando, a favore del Nuovo Mondo. Un mondo solo per i più forti e solo i più forti sopravviveranno. Lei penserà che queste parole sono dettate da una buona dose di pazzia ma, se analizziamo tutto quello che capita ogni giorno nel mondo, ci dovremmo rendere conto che, non siamo messi proprio bene. Qualche anno fa, pensare di usare violenza su un bimbo piccolo, era una cosa inimmaginabile. Oggi è una regola e sembra che, sfogare le proprie debolezze su un bimbo, sia diventato una moda. Qualche cosa è successo e personalmente non riesco a farmene una ragione. Perchè siamo arrivati a disprezzare la vita altrui e spesso anche la nostra? Non credo che all’età della pietra, si uccideva solo per il gusto di farlo. Ci stiamo avviando al punto di non ritorno e come nella politica, nessuno può essere salvato. La vita è un dono. Sembra un luogo comune, una frase fatta apposta per addolcire le persone. Ma, la realtà è ben diversa. Anche se il mio pessimismo, mi porta a non crederci. Buon Anno a tutti.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *