Off-shore a Londra

Oggi il Consiglio dei Ministri deve varare la Legge di Stabilità. Come al solito si arriva all’ultimo giorno utile (15 ottobre) e non simao gli unici in Europa a farlo. Quando sarà chiaro che cosa contiene ne discuteremo.

Intanto però val la pena di riflettere su un punto debole dell’Unione Europea. Che è questo: perché Londra può ospitare capitali stranieri (pensate ai russi, pensate agli arabi) garantendo anonimato e basse imposte proprio nel cuore dell’Europa?

Perché le regole, soprattutto quelle fiscali, non devono essere uguali per tutti? A comnnciare dai finanzieri londinesi?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Off-shore a Londra

  1. Buonasera.
    Vorrei fare una considerazione su un paese come l’Inghilterra. Per prima cosa, stiamo parlando di un paese che, non lascia i suoi stessi abitanti, nella condizione di non arrivare a fine mese e già questo la dice lunga. Un paese dove i doveri sono sacrosanti ma, i restanti diritti, vengono presi in considerazione dalla classe politica, in modo chiaro e esaudiente. Un paese che, possiede una moneta forte e non si è fatto prendere in giro dall’euro, ne tanto meno dalle illusioni di un Europa unita. Se guardiamo attentamente, non possiamo non vedere che, di unito non c’è proprio nulla e i paesi dell’euro zona, si comportano tutti indistintamente, come più gli fa comodo. Nel caso di Londra, non vedo nulla di anormale anzi, ospitare capitali stranieri e tenere le imposte basse è senza dubbio un operazione che, muove l’economia e il commercio e incoraggia gli stranieri a investire i loro capitali. E questa mossa, non è certamente sbagliata. Gli economisti inglesi, l’hanno capito da tempo e si comportano di conseguenza. Provate ad andare a Londra e uscite la sera per andare a mangiare. Locali affollati, gente che spende in una serata, quello che un Italiano, non può spendere nemmeno in un mese. Questo significa una cosa sola. I politici inglesi, lavorano per il bene del paese, al contrario dei nostri parassiti che, lavorano solo ed esclusivamente per i propri interessi. E questo, fa la differenza. Il primo Ministro Camerun, vole portare il paese al voto per la permanenza in Europa e anche questo è un segno di come gli Inglesi, considerano la UE. E l’Italia, come al solito, stà a guardare. Magari ci fosse un politico Italiano che lanci l’idea dell’Off-Shore nel nostro paese. Le cose cambierebbero radicalmente e l’economia e i consumi, non sarebbero più un problema. Chissà perchè i paesi che usano questa regola finanziaria, vivono alla grande ? credetemi, ci sono politici Italiani che, vogliono vedere la fine di questo paese e di conseguenza, remano contro. Purtroppo agli Italiani, non è rimasto altro che, essere invidiosi dei paesi che vivono meglio di noi. Che squallore !
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *