Un nuovo materiale per risparmiare energia

Dopo qualche settmana di assenza, ecco ancora Mr. Baltic:

Buongiorno a tutti,

per motivi professionali e per passione sono sempre attento alle novità. Spesso si tratta di cose riviste e corrette che di nuovo hanno ben poco, altre invece sono tecnologie di cui non si conosce ancora la reale validità.

Una pero’ ha attirato la mia attenzione. La conoscevo già in passato per tutt’altro utilizzo e  sono rimasto piacevolmente colpito quanto ne ho trovata  una versione per l’edilizia. Si tratta di un materiale rivoluzionario il PCM (acronimo di Phase Change Material ovvero Materiale a Cambiamento di Fase).

La peculiarità di questo materiale è di assorbire l’energia termica in eccesso, immagazzinarla e rilasciarla quando la temperatura interna in un edificio si abbassa sotto un determitato livello, e lo fa in modo meccanico. Il che significa avere un notevole risparmio energetico ed un elevato livello di comfort ambientale. Questa sorta di “batteria termica” si carica da sola con tutta l’energia radiante presente nella stanza: sole, calore corporeo, cucina ecc.

Ce ne sono di vari tipi: a base salina, paraffinosa o biologica.

E’ a mio avviso un prodotto che rivoluzionerà l’edilizia e che porterà notevoli vantaggi: economici, ambientali e qualitativi. Finalmente qualcosa di intelligente.

Mr. Baltic

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Un nuovo materiale per risparmiare energia

  1. D’accordo con tutto ma finche esisteranno certe teste di vitello per non usare altri epiteti dovremo continuare e anzi siamo obbligati a sopportare sistemi forniti da compagnie o l’egemonia di multinazionali controllate da burattinai,i quali sono al potere!.Però fonti rinnovabili che purtroppo tengono in disparte solo e non poco………………………………..metterebbero in mutande petrolieri e altri despota!.La salvezza del pianeta dipende da chìì ci vive e dunque fate voi i conti…………………………….dio ci salvi!,non certe teste di caciucco poi!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *