Oggi videochat. Che cosa manca a Renzi?

Alle 14,30 consueta video chat sui quattro punti pubblicati nell’ultimo post. Ma con una domanda aggiuntiva dell’ ultima ora: che cosa manca a Metto Renzi? Al suo Governo?

 

Vi aspetto oggi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

8 risposte a “Oggi videochat. Che cosa manca a Renzi?

  1. Scusi se la disturbo,io sono un pensionato con un alloggio di 64 mq proprietà, con gabinetto sul ballatoio ( abito a torino ),mi è gia arrivata la Tasi ( 108,00 pagata ),poi adesso ho pagato acconto IMU altri 45 €.euro,che ho già pagato ) altri soldi che sono andati da una pensione di €.1,142,00,adesso leggo che sta per arrivare anche la Tari,( GRAZIE ENRICO LETTA ),poi è aumentata Irpef Comunale , e quella Regionale con pagamento arretrati,E vengo alla Domanda?,ma quando la si finisce di tutte queste tasse?,e vero che noi italiani siamo dei pecoroni che ci lamentiamo ma abbassiamo la testa e paghiamo sempre E il guaio è che si va ha votare.Io voglio fare una domanda stupida quando la finite con queste tasse? ho per finirla ci dobbiamo armare veramente e ridurci come in IRAQU.E BASTA BASTA BASTA.IO ANCHE SE HO 65 ANNI SONO PRONTO A SEGUIRE CHI CI AIUTI A MANDARE A CASA TUTTI I POLITICI.MINISTRO RENZI BASTA CON UNA TASSA AL MESE SIAMO STUFI E STANCHI.SPER CHE LEI CI DIA UNA VERA RISPOSTA..GRAZIE

  2. Egregio, credo che il sistema bicamerale sia obsoleto e non più necessario al paese. L’unica riforma necessaria sarebbe l’abolizione in toto del senato con un risparmio per le finanze statali non indifferente.
    Lei me lo saprebbe quantificare ad oggi quanto costa un anno allo stato tutto il mondo senato?
    Grazie

  3. Hai dato 80€ ma ne stai prendendo il triplo di tasse ogni mese. IMU, TASI e TARSU. Adesso aumenti pure il bollo auto, poi verranno le accise sui carburanti che invece di diminuire (paghiamo ancora quelle della guerra in africa) aumentano. Una volta i tuoi “amici” stangavano il paese ad agosto mentre eravamo in ferie, oggi senza più ritegno gli aumenti li fate ogni settimana mentre le riforme promesse non vengono fatte e vi scoprono a rubare dentro ogni dispensa da ogni vasetto di marmellata. State al governo da tre … TRE … legislature senza il consenso dei cittadini per paura di venir spazzati via. Raccontate a tutti che avete il 40% mentre in realtà se contiamo gli aventi diritto avete SOLO IL 22%.
    La domanda è non vi prende la vergogna? Non vi sentite delle carogne, dei vampiri? Non avete paura che la gente finiti mondiali e ferie senza lavoro e soldi e futuro vi venga a prendere sotto montecitorio?
    Questo paese va riformato dalla costituzione senza se e senza ma così oramai non funziona più. Di tangenti, tasse e soprusi ci state facendo morire tutti!

  4. Hai dato 80€ ma ne stai prendendo il triplo di tasse ogni mese. IMU, TASI e TARSU. Adesso aumenti pure il bollo auto, poi verranno le accise sui carburanti che invece di diminuire (paghiamo ancora quelle della guerra in africa) aumentano. Una volta i tuoi “amici” stangavano il paese ad agosto mentre eravamo in ferie oggi senza più ritegno gli aumenti li fate ogni settimana mentre le riforme promesse non vengono fatte e vi scoprono a rubare dentro ogni dispensa da ogni vasetto di marmellata. State al governo da tre … TRE … legislature senza il consenso dei cittadini per paura di venir spazzati via. Raccontate a tutti che avete il 40% mentre in realtà se contiamo gli aventi diritto avete SOLO IL 22%.
    La domanda è non vi prende la vergogna? Non vi sentite delle carogne, dei vampiri? Non avete paura che la gente finiti mondiali e ferie senza lavoro e soldi e futuro vi venga a prendere sotto montecitorio?
    Questo paese va riformato dalla costituzione senza se e senza ma così oramai non funziona più. Di tangenti, tasse e soprusi ci state facendo morire tutti!

  5. Buonasera.
    La messa in scena da parte di Renzi e delle sue ottanta euro, ha portato la maggior parte degli Italiani a
    credere nell’arrivo del Messia o per meglio dire, nel salvatore della Patria. Essendo da sempre, un popolo di boccaloni, la maggior parte di noi, il giorno delle elezioni, ha pensato bene di darle il voto di fiducia e senza nemmeno pensare alle conseguenze. Analizzando la storia del nostro paese e dei politici che si sono succeduti dalla fine della seconda guerra mondiale, avremmo dovuto sapere in anticipo che gli stessi, non ci hanno mai dato niente per niente. Prima ci danno e poi ci tolgono. Le Regioni e i Comuni, devono obbligatoriamente fare cassa e dopo i tagli apportati nei loro confronti da parte dello Stato, mi meraviglio che non abbiano raddoppiato le tasse sulla casa. Siamo il paese con il più alto tasso fiscale ma, a differenza di altri paesi, non abbiamo i servizi, adeguati a quello che paghiamo. In parole povere, paghiamo senza ricevere nulla in cambio. Ma al momento di andare a votare, tutti in fila come pecoroni e pronti a credere ancora ai politici. In un certo senso, sono felice di come ci trattano. Ogni paese ha i politici che si merita. E l’Italia si merita tutto questo. Fino a quando, crederemo alle favole e a tutto quello che ci verrà proposto, saremo alla mercè di questi ambigui personaggi.
    Cordialmente.

  6. Manca la volontà degli altri partiti di lasciarlo lavorare per paura di constatare che i problemi possono essere risolti se la casta smette di rompere e si rassegna a smettere di regnare e sfruttare il paese.
    Mi sono sempre chiesto ma perche tanta gente partita bene si è trovata attorno tanto ostruzionismo?
    E’ vero i politici non brillano per intelligenza, l’economia per tutti gli economisti è una parola che vuol dire: le cassate che dico sono vangelo e voi statteve zitti che non siete economisti.Alla fine non ci azzeccano mai ma i soldi,loro, li intascano dopo averci riempito le sfere di pil,pol pal eccetera.
    Finche la politica sarà sorda ai bisogni del paese e orientata solo alla sua sopravvivenza, nessun governo potrà fare qualcosa di utile per noi, potrà solo aumentare le tasse….
    Fa beneRenzi a liberarsi della zavorra. Senatori autosospesi Deo gratias altre bocche in meno da sfamare, e solo il cielo sa quanta fame hanno!

  7. Buonasera.
    Caro dott. Banfi, cosa manca a Renzi ? si incomincia a intravedere l’assoluto abbandono da parte di chi, dovrebbe darle una mano. E parlo di personaggi all’interno del Pd che non vedono di buon grado, il suo strapotere. Mi riferisco sopratutto a tagli che ha promesso, nella P.A e sono convintissimo che molti dei politici, faranno di tutto per ostacolarne il processo. Lo stesso Renzi, ha dichiarato che, con il quaranta per cento dei voti, non si va da nessuna parte e pensare che riesca a fare tutto quello che ha promesso, mi sembra alquanto improbabile. I tempi tecnici per risollevare l’Italia, sono stati calcolati in circa sei mesi. Ma quanto riuscirà a fare in così poco tempo ? ci sono parecchie cose da risolvere, Gli sbarchi dei clandestini, i rapporti con la Merkel, la disoccupazione, i precari, le tasse, ecc. Una moltitudine di problemi che, metterebbe in difficoltà anche Superman. Quasi la metà degli Italiani, ha risposto in modo positivo alle promesse di Renzi ma, si incomincia a respirare aria di delusione. La cosa più difficile è sicuramente la scelta del partito che affiancherà il Pd. Le scelte, sappiamo tutti che saranno solo due ma chi riuscirà a mettere d’accordo tutti quanti ? dove si potranno prendere i soldi che sono stati promessi, prima delle elezioni ? aumentare le tasse, avrebbe il significato di tradimento verso gli Italiani e questo, mi auguro che non succeda. Ma in politica, mai dire mai. Quello che mancato a Renzi è un 10-12 per cento di voti in più. Per fortuna, del restante sessanta per cento degli Italiani.
    Cordialmente.

  8. Dell’ultimo governo Berlusconi si può dire peste e corna; ma ora quello di Renzi è il terzo in ordine di tempo a posteriori, e a occhio e croce non sembra che le faccende nazoinali abbiano mutato decisamente in meglio; anche i due governi precedenti, a loro dire, avrebbero dovuto portare l’Italia ai vertici europei. Al momento non sembra che brilli alcun che di nuovo sotto il sole, ma solo un’accelerazione sulla componente impositiva che stronca ancora più la rinascita economica del paese. Cosa manca a Renzi? diciamo meglio cosa abbonda in Renzi: un vis logorroico che cerca di coprire una solida mancanza di programmazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *