Frena Renzi, riparte Grillo, il centro destra c’è

Test limitato quello dei ballottaggi e tuttavia prova d’appello quindici giorni dopo il risultato delle elezioni europee. Con alcune osservazioni che vanno fatte:

1. Renzi non sfonda e non riproduce l’avanzata storica delle Europee. Pesano le tangenti e un partito non del tutto rinnovato: basti pensare a Padova e a Bergamo. Ma anche al pasticcio della Tasi.

2. Il Movimento 5 Stelle non è in quel declino inevitabile, che tanti avevano previsto dopo il voto europeo. E’ vero: Grillo ha vissuto male la sconfitta di 15 giorni fa, ma le affermazioni di Livorno e di Civitavechia sono clamorose. La protesta vince ancora.

3. Il centro destra c’è nelle aspirazioni degli elettori italiani. A Padova dove viene premiata la nuova vicinanza fra Forza Italia e la Lega e a Potenza dove vince il sindaco di Fratelli d’Italia, ma sempre in coalizione.

Che ne pensate?

Vi aspetto giovedì alle 14,30 nella consueta video chat per discuterne.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

11 risposte a “Frena Renzi, riparte Grillo, il centro destra c’è

  1. La situazione in atto è stagnante e non è foriera di grandi novità (purtroppo) per il nostro Paese nel suo insieme. Questa europa è, a voler esser buoni, ne carne ne pesce. Si è rinunciato alla sovranità monetaria per i comodi di qualcuno ma nel mondo ogni paese ha la sua ambasciata e non esiste una sola ambasciata europea (orti separati); ciascun paese ha i suoi uffici commerciali, noi oltre a questi, l’ICE ed addirittura quelli regionali; non è stata scelta una lingua ufficiale europea (ciascuno vuole la sua); vi è la parodia di coordinamento militare e di sicurezza…. insomma pur essendo in linea teorica una cosa buona si palesa sempre più una pentola di aria fritta. Certo che Grillo ha buon gioco e bene farebbe il centro ad essere più vicino a lega, il no euro non sarebbe una bestemmia anche a parere di molti esperti, e fratelli d’Italia.. un pò di Patria ed orgoglio nazionale non guasterebbe…la sinistra internazionalista sarà sempre pro europa anche se spintaneamente, ma l’europa così non avrà vita lunga… vedi sbarchi, vedi marò, vedi guinzagli vari etc.. Renzi ha comunque il fiato corto o fa le cose dette e pure bene o la sua sopravvivenza sarà affidata ad elezioni che potrà vincere solo perchè è un partito strutturato e da sempre compatto anche se litigano dentro e sorridono fuori, oppure il renzismo si scioglierà come neve al sole e torneranno prepotenti le faide interne al PD.
    Questo è il mio modestissimo parere, ma conoscendoci temo raschieremo sempre più il fondo… poveri ragazzi!!! che paese vi lasciamo….

  2. Buongiorno.
    Non possiamo prendere i voti di un ballottaggio, come risultato definitivo della politica di un paese. Se domani, dovessimo andare a votare per le politiche, Renzi avrebbe l’assoluta maggioranza e Grillo, si
    posizionerebbe inesorabilmente al secondo posto. Il centro destra si è tirato la mazza sui piedi e dopo
    gli scandali che l’hanno colpito, credo che gli Italiani non vogliano farsi governare da un gruppo di persone che, pensano solo ed esclusivamente ai propri interessi. E’ vero che, solo la metà degli Italiani è andata a votare, ma è altrettanto vero che, il centro destra è stato snobbato e si è preferito ascoltare e credere alle favole di Renzi. Al centro destra manca un vero leader e Berlusconi, non rappresenta più,il personaggio carismatico che fino a ieri era capace di trascinare le folle. Non credo assolutamente in una coalizione FI e Lega, idee troppo distanti tra loro e manie di grandezza incompatibili. Bossi era il burattino di Berlusconi ma, con Salvini è tutta un altra storia. E’ difficile pensare che quest’ultimo scenda a compromessi. Ma in politica, per il raggiungimento dell’obbiettivo, la storia ci insegna che, nulla è impossibile e dai tempi della vecchia DC, abbiamo assistito a veri e propri stravolgimenti, fino ad allora impensabili. Basti pensare al periodo del compromesso storico e ricordiamoci la strana alleanza, DC-PCI, una cosa assolutamente, inimmaginabile. Il povero Grillo sarà costretto dalle circostanze a muoversi da solo e tutto quello che otterrà, sia di negativo che di positivo, ne dovrà rispondere di persona. Ma alla fine, solo chi riuscirà a riportare l’Italia in auge, avrà la possibilità di governare per molto tempo. Ormai gli Italiani vogliono i fatti. Le parole hanno fatto il loro tempo.
    Cordialmente.

  3. Magari si potrebbe dire che una parte del 40% uscito dalle europee abbia cambiato opinione visto le vicende che voi avete menzionato,o magari il mea culpa di grillo ha convinto gli scettici.Però vi è sempre la non fiducia degli italiani verso questa politica che per voce di renzi promette tanto ma…………………………..non mantiene!.Io modestamente vorrei risposte chiare e una burocrazia capibile dai comuni mortali,ma non si può cambiare in poco tempo quel malcostume che ci accompagna per anni e anni,cito mani pulite-tangentopoli e via via,ovvero con personaggi coinvolti tutt’ora al governo………………………..questo basterebbe solo per evidenziare ancor di più la non giustizia italiana.Roberto benigni ha forse detto una”battuta” esatta:i corrotti prima di andare in prigione caccino fuori i soldi e sinceramente in tutto questo caos vi è una costante che si ripete e sarebbe:dove è il grano mangiato dai colpevoli?…………………………..verrà restituito ai cittadini o nò?.Poi le chiedo signor banfi:resisterà il buon matteo ai mugugni del suo stesso partito?,elezioni a settembre o l’anno prossimo?.Insomma!,il paese vuole fatti………………………….quando li vedremo?.

  4. Buongiorno.
    Il paese di Pinocchio. L’Istat afferma che l’industria Italiana è in crescita ma, chissà come mai, le aziende continuano a chiudere e i piccoli artigiani, non riescono più a far quadrare i conti. Stranamente questo comportamento da parte delle agenzie di ricerca, viene alla luce dopo meno di un mese che Renzi ha preso in mano l’Italia. Chissà come mai, dopo le elezioni succede sempre questo strano fenomeno e così è successo con Berlusconi e con Bersani quando è stato eletto segretario del Pd. Perchè ci continuano a riempire di frottole e non dicono le cose, come stanno veramente ? Ho la fortuna di conoscere persone che gestiscono aziende e piccoli artigiani e tutti indistintamente, si sentono presi in giro dal sistema e molti di loro, hanno pensato bene di portare la propria azienda all’estero. Volendo credere che l’Istat, dica la verità è comunque una crescita che, fa ridere i polli e rispetto agli altri paesi Europei, la nostra crescita è pari allo zero. Da troppi anni siamo fermi in corsia d’emergenza e questo atteggiamento è frutto di una politica sbagliata. I nostri politici, fanno finta di non vedere il degrado economico e alla fine di tutto, saremo noi a pagarne le conseguenze. Già molti mesi fa, questo paese avrebbe dovuto, finire in default e se, il governo attuale fallirà con il progetto di ricrescita, non resterà altro da fare che issare bandiera bianca e svendere il paese al migliore offerente. Gli Italiani sono maledettamente stanchi di sentire le solite balle. Vogliono vedere una svolta, quella svolta che Renzi ha promesso.
    Cordialmente.

  5. Caro Banfi non sono un attivista ne sostenitore di qualsiasi partito, la politica mi appassiona, ascolto dibattiti e in base al mio giudizio ne traggo il mio parere personale. Finora di balle, di calunnie e di colpe sempre date agli avversari ne ho sentito dire da tutti, mai sentito: abbiamo sbagliato questo o quello, sempre colpa degli altri. Il movimento 5.S. ha perso alle europee, il P.D. ha perso punti con i sindaci, guardando questi due che se ne sono sparate a vicenda posso capire che gli elettori ne hanno preso conoscenza e hanno dato il loro giudizio.
    Finora tutti i partiti contro Grillo come se fosse un dittatore, penso che chi è entrato nel movimento sapeva già il loro programma o nò! sicuramente alcuni avranno preso quella scorciatoia per poter entrare nel palazzo e se li hanno cacciati, io ne dò atto, altri partiti politici son pieni di feccia, eppure nessuno punta il dito! salverei un pò Renzi e pochi altri, ma in mezzo a quella casta che circola nel suo partito penso che riesca a far poco, non voglio parlare di F.I. perchè se ne sentono anche di peggio. Tutto sommato mi danno da capire che le persone oneste nel palazzo non le vogliono.

  6. Fatti concreti servono ma vediamo che questo governo rimanda a data da destinarsi e magari accavallandosi con altre scadenze che incombono come un cappio sulla testa dei cittadini,se così sarà ci troveremo a dicembre una tredicesima già destinata e dunque diventeremo il primo paese al mondo che paga tasse dal mese di gennaio a quello di dicembre e quindi 12 mesi l’anno!.Quindi se prima avevamo tiravamo il fiato dal mese agosto fino a fine anno,così da guadagnare se pur le briciole……………………………ora non finiamo di pagare l’anno in corso che subito ci si presenta il conto per quello dopo.Ma quello che fa più scalpore è il nostro debito pubblico sia addirittura aumentato e allora il cittadino potrebbe porsi una domanda sacrosanta:perchè io pago e pago facendo la mia parte sentendomi sempre dire quando chiedo un aiuto o qualsiasi cosa che un paese civile dà e come risposta ottengo solo parole come non ci sono fondi o non hai diritto ad averla?.

  7. Caro Dott. Banfi, cerco di capire leggendo gli interventi se i nostri concittadini si rendono conto della realtà nella quale ci culliamo sopravvivendo a noi stessi, per quanto ne so e capisco da quando è nato il nostro bel paese. Vi è la quasi totale assenza dell’orgoglio di appartenenza; amiamo farci del male e sputiamo in aria dimentichi che ci cadrà addosso; condanniamo e marciamo contro la mafia che è solo un’organizzazione criminale come tante ma non ci accorgiamo che mafia è soprattutto il nostro vivere quotidiano, mafioso e chiedere l’eccezione, mafiosa è la tangente presa e data, mafiosa è il voto di scambio, mafiosa è la difesa dei propri privileggi e delle rendite di posizione, mafiose sono le strutture pubbliche che vivono per la loro stessa sopravvivenza senza sentirsi realmente al servizio della collettività, mafioso è chi usa un paravento di perbenismo per i propri porci comodi a scapito della collettività … e potrei proseguire per giorni…ma anche se ci piace mentire a noi stessi, lo sappiamo tutti che il nostro paese è purtroppo quello di pulcinella… ed allora, ci sorprendiamo che le ditte pagano tangenti, cosa ha fatto il sistema paese per i marò, le tangenti non sono solo soldi, è anche prostituzione, appecoronamento etc. ed i politici ? ogni paese ha i governanti che si merita… renzi dice… cambiamo verso…. ma cambiamo testa, usciamo dalla mentalità clerico-borbonica-buonista e opportunista, prima di parlare guardiamoci allo specchio e chiediamoci come vivivamo e come abbiamo vissuto e se abbiamo un briciolo di onestà e dignità diciamoci se è più onesto, non con gli altri, ma con noi stessi … tacere e continuare a dare agli altri colpe che sono solo nostre. Diamo la colpa a quattro arrivisti che hanno capito che facendo politica magnano ma ovviamente nessuno pensa a quei colletti bianchi, a quelle stole di ermellino, a quei dirigenti di ogni tipo e colore, che imperano con circolari che non sono quasi mai secundum legem ma secundum naturam dei burocrati e delle varie cordate, politico, sindacali,affaristiche e criminali. Qualcuno si è preso la briga di vedere chi era, ad esempio, il ragioniere generale dello stato con decine di governi a guida più diversa possibile ?, qualcuno si è preso la briga di vedere le capacità di galleggiamento nel corso dei secoli di quei mezzi d’informazione che in altri paesi hanno, non sempre, avuto la capacità di additare al pubblico ludibrio capi di stato. Noi… il politico che tocca la rai è come quello che tocca i fili… muore….Adesso Renzi per far contenti gli amici di famiglia lancia la scuola e fa i tour di buona memoria del ventennio, forse lo vedremo anche sul trattore a mietere il grano e se siamo sfortunati vedremo nei vari centri le case del… popolo; sulle piazze sono ormai mimetizzate le sentinelle col fazzoletto rosso, ma avremo nuovi pot(d)està in senato e nei comuni capoluogo con competenza provinciale… sveglia Italia!!! se ciascuno aggiustasse il proprio orto forse si correrebbe il rischio anche di fare gli italiani dopo aver fatto finta di fare l’Italia.
    Mi scuso per essere stato prolisso, ma ho tanta rabbia in corpo e non scendo dal treno, per amore di figli e nipoti… e perchè non lo considero da uomo, ma arrivo anche a comprendere chi lo ha fatto, ma sentire sulla bocca di certa gente usare ab usum delphini quel SE di Kipling che è stato il mio faro per una vita mi ha fatto venire i conati…

  8. Buonasera.
    Caro dott. Banfi, questo argomento che, sto per trattare, non c’entra nulla con il suo commento ma è
    giusto e doveroso che la gente sappia, che razza di persona sia la Merkel. Tutta l’Europa, Germania in
    testa ci obbliga ad aiutare gli extracomunitari e nonostante i nostri sforzi, nessuno ci aiuta a riceveregli stessi e quello che stà succedendo, lo sappiamo tutti. Ieri sera, sono andato a trovare un mio amico che è appena tornato dalla Germania. E’ andato a trovare la figlia che lavora a Stoccarda e non ha più intenzione di ritornare in Italia. Il suo stipendio è ottimo e la sua vita, a detta del padre è migliorata in
    modo straordinario e la pone nella fascia della media borghesia. Raccontandomi del più e del meno, mi
    ha detto che in Germania esiste, o deve essere ancora approvata una legge che, da la possibilità a una
    persona in cerca di lavoro, un tempo massimo di tre mesi, per aprire un attività in proprio. Passato
    questo tempo, se l’attività non decolla, lo sfortunato deve tornarsene, da dove è venuto. Ho chiesto al
    mio amico, se era sicuro di questa allucinante legge e per ben due volte, mi ha garantito che la cosa è
    vera. La certezza l’ha avuta dalla figlia, interpellata per telefono d’avanti a me. Ora mi chiedo, perchè la Merkel ci obbliga a tenere all’interno del nostro paese, migliaia di personaggi che, con il nostropaese non hanno nulla a che vedere ma, allo stesso tempo, elimina in modo drastico la permanenza nel suo? e perchè l’Europa non dice nulla, d’avanti a un fatto così grave ? solo l’Italia deve fungere dacuscinetto ammortizzatore, senza ribellarsi ? questo, caro Banfi è un vero e proprio complotto. Vogliono vedere il nostro paese, alla deriva. Ogni paese, controlla il suo orticello e cerca in tutti i modidi avere la frutta e la verdura migliore. Che l’Italia venga totalmente invasa da personaggi che, ancor prima di mettere piede sulla terraferma, invocano con prepotenza, i loro diritti, non frega niente a nessuno.
    Cordialmente.

  9. Si può disquisire di tutto chi ha vinto, chi ha perso ai ballottaggi, ma la realtà e che siamo nel limbo e ci rimarremo ancora a lungo, il dato già basso delle europee con il 58% dei votanti ai ballottaggi si è attestato ad un 49 scarso, questo vuol dire che la gente anche se vuole un cambiamento e chiede di aver voce in capitolo su tutto, quando poi ci viene concesso di votare, forse sfiduciata, forse schifata, decide di non votare e di lasciare in mano a quei pochi che votano il proprio destino, morale si parla tanto di democrazia diretta, di partecipazione, ma in realtà stiamo andando sempre più verso una democrazia non partecipata, anche attraverso le riforme di renzi, senato non elettivo, province abolite per finta ma che nascondono 24000 persone che non si sà a quale titolo dovrebbero rappresentare il popolo, ora mi sorge un dubbio il popolo disorientato da tutto quello che legge e sente, ogni giorno sui giornali e in tv, tutti indagati, politici, guardia di finanza, magistrati, banchieri, alti prelati del vaticano, imprenditori e prenditori, come risponde a tutto ciò disertando le urne, in fondo tutto ciò c’è sempre stato e purtroppo penso ci sarà sempre maggiori controlli non servono a nulla, anzi rendono la vita impossibile agli onesti e permettono a chi vuol delinquere maggiori oppurtunità, tra autorizzazioni e permessi, gare di appalto se non vuoi stare in ballo anni finisci con il pagare qualcuno che faccia in modo di avere una corsia preferenziale e quindi almeno iniziare i lavori, quando poi chi deve controllare e colluso con chi deve essere controllato si capisce bene che non se ne esce.
    La grande differenza con il passato la stà facendo la lunga crisi che stiamo attraversando ed ecco che il binomio crisi+malaffare porta la gente al non voto, il mio dubbio che i poteri precostituiti e il malaffare non vedano di cattivo occhio tutto ciò perchè storicamente il potere si tiene in due modi, con l’autoritarismo plebiscitario oppure con la non partecipazione alla vita democratica, per cambiare ci vuole la partecipazione di tutta la gente per bene chi non vota alla fine diventa strumento utile inconsapevole di chi vuole conservare questo status quo.

  10. @ Caro Marco aggiungerei al tuo pensiero: come fanno sè vero, che a casa loro vivono con un paio di euro al giorno, ma danno migliaia di euro agli scafisti per venire qui! ?????????????????

  11. Buonasera.
    @ Rataplan.
    Non ho scritto quello che tu mi hai ricordato, per un semplice motivo. Questa cosa la conosce anche mio figlio di nove anni. E’ risaputo che gli extracomunitari spendano un sacco di soldi per sbarcare sulle nostre coste e con quei soldi, potrebbero vivere per anni al loro paese. Ma è più facile andare a delinquere in Italia che lavorare onestamente. Se poi aggiungiamo il fatto che nel nostro paese, non esiste la certezza della pena e quando si delinque, tutto passa in cavalleria è facile capire perchè, l’Italia sia il sogno di tutta quella gente. Anche oggi a Milano, tre extracomunitari, per scappare a un posto di blocco, hanno tamponato una macchina, guidata da un uomo di quarantotto anni, uccidendolo sul colpo. Quello che mi fa più rabbia è sapere che l’intera sinistra e il Vaticano, difenda a spada tratta questi infami. Vorrei tanto che, se li portassero a casa loro ma, questo non succederà mai. Perchè il papa, con tutto lo spazio che ha, non si prende qualche famiglia a carico ? stesso discorso vale per tutta la gente che vota il Pd. Come facciamo a uscire dalla crisi se, dobbiamo mantenere tutta quella marmaglia ? Ogni giorno, il nostro paese sprofonda sempre più e arriverà il giorno che la gente, scenderà per le strade, a quel punto sarà l’inizio della fine.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *