Speranza e rabbia

Risultato clamoroso questo delle Europee 2014. Ne parleremo per un bel po’.

Vado a capitoli per chiarire la discussione:

1. Renzi ha battuto ogni record storico dei partiti di sinistra ma anche dei partiti in genere da quando c’è la Repubblica in Italia e il suffragio universale. 40 per cento è  una cifra raggiunta dalla Dc solo dal 1948 al 1958 nelle elezioni politiche di allora. Fatto storico.

2. Grillo non ha sfondato dopo una campagna violentissima, basata sull’annuncio ossessivo di una vittoria imminente con conseguenze violente per tutti. Da Dudù ai processi popolari in rete. Anzi ha perso ben 4 punti percentuali in un solo anno: dal 25 al 21.

3. Con un solo pezzo del vecchio Pdl dopo la scissione (fortemente voluta in alto loco) dell’Ncd e senza potersi presentare personalmente alle elezioni Berlusconi con Forza Italia  è ancora sul 17 per cento dei suffragi.  

4. L’Italia non vuole la Merkel e un certo Euro. Vista l’affermazione limpida della Lega e la sparizione totale, completa del partito di Mario Monti. A due anni di distanza il grande imbroglio degli Eurocrati che volevanmo commissariare l’Italia è finito.

5. Gli italiani vogliono le riforme. Hanno spedito un mesaggio chiaro: sedetevi ad un tavolo, mettetevi d’accordo e fate le cose che servono al Paese. Dobbiamo ripartire.

Siete d’accordo? O no?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

7 risposte a “Speranza e rabbia

  1. PERFETTAMENTE D’ACCORDO, analisi lucida e scevra da condizionamenti, ben diversa da altre partigiane. Gli Italiani votanti e no hanno ancora una volta dimostrato acume. Come in passato fatto con il PDL (vanamente per le note questioni e per una sorta di timidezza/debolezza che in politica non è una dote e che non si maschera con il senso di responsabilità. Gli attribuiti politici o si hanno oppure e meglio starsene alla finestra) ora hanno presentato all’incasso le promesse renziane. Staremo a vedere quanto è aria fritta e se le decennali incrostazioni nostrane lo bloccheranno e quando farà un pluff. Gia si vedono i distinguo sulla riforma della giustizia (solo quella civile il resto è intoccabile). Ma FI ed il Presidente Berlusconi NON POSSONO STARE SEDUTI ne ipotizzare successioni dinastiche. Puntare su volti nuovi o comunque NON usurati dai palazzi, creare una confederazione con impegni veri e scritti con la Lega di Salvini, i fratelli d’Italia della Merloni (non male come logo) e non perdere tempo dietro ai fuoriusciti ed i casini che vivono di strategie e eletti da dx governano con la sx non meritando fiducia. Programma aperto ma chiaramente di centro destra. Appoggio alle riforme se in linea con il programma ma di TUTTE le componenti senza eccezione. Primarie per chi deve essere la guida morale ma gestione democratica e colleggiale. BASTA CON I PANNETTI CALDI… gli elettori VOGLIONO certezze e la certezza che il primo padrone è la casa di tutti ovvero il PAESE. Incalzare Renzi sulle riforme e appoggiarlo SOLO se concordate senza svendere i principi cardine dell’interesse NAZIONALE PRIMA DI TUTTO.
    Grazie, chiedo venia per essere stato prolisso ma ho lo stomaco che mi ribbolle.

  2. Buongiorno, i temi di queste elezioni sono molti, parto da Renzi vero ha preso oltre il 40% su una percentuale di votanti del 58% diverso prendere le stesse cifre con una percentuale del 65/70% o più, se non erro Veltroni prese una percentuale vero più bassa ma in termini assoluti di voti fece meglioi di Renzi 13 milioni contro 11 milioni circa.
    Certo avranno influito le tante promesse di riforme, la presunta velocità nel farle, ma alla fine penso che gli 80 euro promessi a 10 milioni di lavoratori dipendenti, siano stati la marcia in più di Renzi per ora, perchè da quello che sento da amici e conoscenti lavoratori dipendenti molti si troveranno la sorpresa che gli 80 euro saranno molti meno e in alcuni casi anche nulla.
    Grillo non ha sfondato anzi arretra vuol dire che una discreta parte di chi l’ha votato è rimasto deluso da come è stato gestito il successo elettorale dell’anno scorso e quindi del lavoro fatto dai grillini nel parlamento, mi aspettavo visto che aveva detto o noi o loro, oppure me ne vado, che il giorno dopo dicesse ci ho provato è andata male, non mi avete dato retta arrangiatevi, invece ieri molto pacato ha detto il tempo e dalla nostra parte ci riproveremo tanto le cose andranno sempre peggio e quando l’Italia sarà in liquidazione fallimentare saremo pronti a subentrare.
    Berlusconi più NCD mantengono all’incirca gli stessi voti delle politiche ed era quasi impensabile fare di più visto tutto quello che è capitato fuori e dentro il partito che prendessero di più e una fase interlocutoria, di ripartenza e riorganizzazione.
    Gli euroscettici di lega e fratelli d’italia valgono insieme un 10% di votanti, da notarsi che caso a parte la Francia con Marine le Pen, gli euroscettici sono in grande crescita nei paesi ricchi del nord europa che se vogliamo sono quelli che hanno subito meno la crisi e gli effetti dell’euro, mentre nel sud europa in Italia e in Grecia dove la crisi stà colpendo duro da anni vincono le sinistre, in un anno il tecnocrate Monti sparisce passando dal 10% a pochi decimali, ma purtroppo i danni del suo passaggio rimangono e anche il suo lauto compenso da senatore a vita e di ciò sappiamo chi ringraziare i complottisti europei e italiani che per interessi di parte si sono prestati al grande bluff.
    Gli italiani vogliono sicuramente anche le riforme, ma soprattutto vogliono lavoro, poter mangiare, pagare meno tasse e una minima sicurezza per il futuro dei loro figli la domanda e questo nuovo parlamento europeo saprà dare le risposte che gli italiani si aspettano, io rimango dubbioso.

  3. Tante domande per riflettere su quello che è accaduto ma a mio parere gli italiani ci son cascati di nuovo e cioè alle promesse di renzi con il 40%,mentre gli altri partiti hanno fatto tutti contro tutti rendendo così la vittoria del pd ancora più evidente.Ora che dobbiamo aspettarci?,una cosa è certa però…………………………..le tasse rinviate dal premier al dopo voto arriveranno nelle case degli italiani e non risparmieranno quel 40% uscito dalle urne che finita la festa avrà il conto da pagare!.La francia,anzi il popolo francese ha fatto capire di avere le idee chiare riguardo all’euro e magari qualcuno stà facendo il conto alla rovescia immaginando una o più monete diverse circolanti fra i vari stati con effetti da valutare a livello commerciale globale.

  4. Mentre la germania sta continuando con la canceliera merkel e da una parte come non dargli torto perché se il carro dei vincitori si allarga sempre più perché non aggiungere posti in più.Però se mi consente dott banfi vorrei far una considerazione sulla mia situazione personale pre e post voto,se prima non avevo lavoro,ora dopo le promesse di renzi che mi devo aspettare visto il mio girare nelle agenzie interinali e sentendomi dire che nulla vi è in giro……………………………….e ora?,magari tutto viene risolto e si sblocca tutto?;ecco! è questa la mia speranza……………………….come scritto nel titolo di questo articolo!.Quindi vediamo o aspettiamo l’effetto “promesse” del premier?……………………..ora però come ho già detto,d sicuro mi aspetto le tasse rinchiuse nel cassetto dei buoni propositi perché quando verrà aperto non saranno proprio tanto buoni!.

  5. Buongiorno.
    Non illudetevi cari Renziani, ha votato la metà degli Italiani e il vostro 40% non serve a nulla. Da soli non riuscirete mai a governare e il secondo partito in Italia, il M5S non starà certo a sentire le bugie di
    Renzi. Da quando si è autoproclamato ha promesso mari e monti, nei primi quattro mesi avrebbe dovuto
    cambiare radicalmente il panorama politico. Cosa ha fatto ? nulla. L’unica furbata sono state le 80 € che,
    sono servite a comprare un sacco di voti, dagli Italiani che, hanno creduto nella favola di Cenerentola. Ma i veri cambiamenti e le riforme promesse, solo parole al vento. Avrebbe dovuto rivedere gli stipendi
    dei politici e quelli della P.A ma, tutto questo è stato solo uno specchietto per le allodole. Bisogna dare a
    Cesare quel che è di Cesare. Tanto di cappello a Renzi, perché è stato capace di intortare con le parole,
    un infinito numero di boccaloni, che solo il tempo vedrà fare loro, marcia indietro. Berlusconiano al cento
    per cento è riuscito a copiare gli atteggiamenti e impossessarsi dei media, come non ha mai fatto nessuno. La cosa impressionante è che, lo vogliono far passare come uomo di sinistra, pur sapendo che,
    i voti che ha preso sono il frutto dell’involontario aiuto di FI e NCD. Prepariamoci a un periodo di vero e
    proprio, decadimento del paese, ci siamo già passati, con le finte promesse, non si va da nessuna parte.
    E sono curioso di vedere come andranno a finire gli scandali delle banche di sinistra, una a caso MPS e
    di tutti i vari politici che ci hanno mangiato sopra. Caro Matteo, ti aspetta un compito non certo facile e
    devi dimostrare agli Italiani che ti hanno votato che, il loro voto, non sia stato un voto buttato via. E qui
    mi viene da ridere.
    Cordialmente.

  6. Spiace vedere che il governo del nostro paese, anziche analizzato in modo asettico e lucido,venga giudicato da una bandieretta di squadra, hanno vinto i gialli,hanno perso i grigi…Italiani, ma quando crescerete e inizierete a considerare il governo come amministratore del vs condominio? O va e si devono vedere risultati PER TUTTI o ppure si cambia. Berlusconi, Renzi e chi altro sono solo i temporanei amministratori che dovrebbero fare si che il paese sia più ricco, competitivo e funzionale.
    Avere ferrovie che fanno schifo, una Alitalia fallimentare un paese ridotto alla miseria è il risultato dei passati governi da qualsiasi parte vengano, e questo perche si fanno i casi loro e noi non siamo niente. L’iatlia deve essere l’italia di tutti,dobbiamo poteressere orgogliosi di essere italiani e non beffati e sconfitti come attualmente siamo a causa di un governo che si occupa solo di sputtanare se stesso o di fare la guerra a questo o a quello. Bello il calcio,simpatiche,non sempre ,le tifoserie, ma questo non è un gioco. Gestire un paese significa portare la responsabilita delle vite di TUTTI, dal barbone al più ricco in modo che tutti possano vivere con dignità e la soddisfazione di contribuire al benessere del paese. I partitismi, come le religioni sono l’oppio di quelli che sono più fragili e non pensano con il lorocervello. Ho viaggiato abbastanza per rendermi conto che in italia il cervello, anche se spesso addormentato,c’è. Svegliamoci e come sarebbe corretto anche nello sport facciamo il tifo non sempre di bandiera ma anche per sostenere i migliori,quelli veri. Nomi, persone bandiere in politica sono specchi per le allodole. GIUDICATE DAI FATTI.

  7. Buonasera.
    @ ziog78.
    Governo analizzato in modo asettico e lucido ? vogliamo analizzare quello che hanno fatto i governi che
    si sono succeduti negli ultimi quindici anni in Italia e trarre le conclusioni del risultato ottenuto. Un paese ormai fallito e costretto alla disperazione assoluta. Chi dobbiamo incolpare se non la sinistra e il centrodestra ? sono loro che hanno ridotto il paese in questo stato e cosa ci tocca rivedere ? il Pd, che per anni ha speculato e in combutta con il sistema bancario, ha tagliato prestiti alle aziende e alle famiglie, roba da paesi del Sud America. Purtroppo la politica e tutti i personaggi che ne fanno parte, sono conosciuti per il loro colore politico, non abbiamo un sistema che lavora per il paese ma, un sistema che lavora per il bene del partito stesso. Ogni opera pubblica e privata, fatta per migliorare la vita delle persone, deve avere il benestare di un partito politico e le tangenti, sono la prova più evidente. Dietro alle stesse, c’è sempre un colore politico. Perciò, come lei dice, GIUDICATE DAI FATTI, i fatti sono questi. E che sia ilPD o FI che intascano le tangenti, io come cittadino Italiano, critico, prima di tutto il politico e allo stesso modo, il partito che lui rappresenta, indipendentemente dal colore di appartenenza. Questi specchi per le allodole, come lei li giudica, sono quelli che hanno portato e continueranno a portare il paese, allo sfascio. Migliori o peggiori, avranno sempre un colore politico.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *