Santo Natale!

La buona notizia di stasera, la vigilia di Natale, è che Giorgio Napolitano non firmerà il cosiddetto decreto salva Roma. Bene perché quel decreto era un pasticcio, sia nel merito (le municipalizzate di Roma e altre amenità), che nella forma.

E dunque mi è più facile darvi gli auguri! Non sono però politicamente corretto. Moltissimi in queste ore augurano Buone Feste, addirittura c’è chi augura Buon tutto!

A me il Natale piace se è invece l’annuncio preciso di un fatto storico, la nascita del Bambino Gesù 2000 anni fa. Per chi crede e per chi non crede, l’annuncio natalizio è questo. Una nascita nel momento più buio dell’anno, una luce nelle tenebre. Un povero, piccolo, indifeso bambino che nasce in una mangiatoia (questo significa in latino presepe). La vita è bella perché vivere è cominciare, diceva il grande Cesare Pavese. Il Natale è un inizio, anzi l’inizio per eccellenza, l’inizio di tutto.

Noi tutti come i pastori, noi come i Magi, ci avviciniamo a questa luce, anche questa notte. E’ un inizio tutte le volte e anche questa volta è diverso.

Santo Natale a tutti voi, che seguite questo Blog!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Santo Natale!

  1. Sinceramente, dalla stampa e dalle tv, non ero riuscito a capire cos’era quel decreto salva Roma. Se Napolitano non l’ha firmato, allora può dirsi che avesse un senso.

  2. Buonasera e auguri a tutti.
    Belle parole ma purtroppo i fatti, segnano in modo evidente il terribile periodo che stà vivendo questo
    Paese. Ho 55 anni e non ho mai passato un Natale così deprimente. per poter fare un piccolo regalo a
    mio figlio di 8 anni, ho rinunciato al cenone e sulla tavola ho trovato un piatto di pastasciutta e una
    bistecca, il panettone forse lo vedrò a capodanno. Quando si resta senza lavoro, senza dignità e senza
    una lira, le cose da fare sono poche e insufficienti per festeggiare. Anche l’aria che ho respirato questa
    mattina era l’evidenza del malessere che satura la casa. Un padre senza lavoro è il simbolo del totale
    fallimento di tutta la famiglia e i figli, anche se non te lo fanno notare, ti guardano con rassegnazione e
    il clima che si respira è di totale dispiacere. Se penso al Natale che passeranno i nostri politici, mi viene
    la reale voglia di appenderli tutti ad un albero. Scusate, oggi dovrebbe essere un giorno di pace e di allegria ma vedo tanta gente nelle mie condizioni e la cosa, proprio non la sopporto. Ora capisco la
    gente che si toglie la vita e che fino a poco tempo fa, condannavo come un gesto messo in atto da una
    persona debole di mente. Quando i tuoi figli ti guardano con compassione, se pur amandoti cercano in
    tutti i modi di aiutarti, la tua dignità di uomo prevale su ogni logica e fai fatica a guardarti allo specchio.
    All’inizio pensi che non eri più capace a lavorare, poi ti accorgi che lo Stato ti ha depredato anche del tuo
    stesso sangue. Devi vegetare per il resto della tua vita ? purtroppo a 55 anni, non servi più a nessuno,
    anche se sei un professionista. Tutti i fine anno, i nostri politici ci promettono che, l’anno che verrà, sarà
    l’anno della ricrescita, ma purtroppo sono anni che la cosa non succede. Avete bisogno di vedere ancora
    morti suicidi per darvi una regolata ? se esiste una giustizia divina, state attenti, prima o poi arriverà il
    vostro turno.
    Cordialmente.
    Buone feste a tutti (politici esclusi)

  3. Sul blog a fine anno 2012 auguravo a tutti che il prossimo anno fosse un anno sereno con molta speranza di un giusto cambiamento; altro che speranze, nuove elezioni e peggio dell’anno 2012, continuando con aumenti ti tasse ed promesse per il prossimo 2014.
    Ora è arrivato Renzi, tutto nuovo come l’acciaio inossidabile con il sacco pieno di nuove leggi da fare. Come a messo piede nel palazzo s’è preso a braccetto Letta e mi sembra che sia diventato più cauto, il basta finanziamento ai partiti è stata la prima legge varata, ma come?? ora nel sacco c’è: via il senato, via auto blu, via previlegi, dimezzamento dei parlamentari ed atri provvedimenti che la gente vuol vedere come lui ha detto che avrebbe fatto, questi provvedimenti sono in attesa di essere varati e noi sempre in attesa, vedremo se nell’immediato futuro sarà capace di metterli in moto. Mi ricordo gli anni del dopo guerra, dove regnava la disoccupazione e la fame, c’era esposto in un piccolo mulino dove si vendeva la farina anche al dettaglio, era esposto bene in vista a tutti i clienti un cartello di lamiera smaltata con scritto in maiuscolo (OGGI NON SI FA’ CREDITO, DOMANI SI) sempre domani, domani, domani……….Questo è ciò che i nostri politici e governati hanno sempre detto e fatto; per loro penso che abbiano un comma nella costituzione che dica di mantenere i loro stipendi e previlegi. Conosco un motivetto natalizio che gli si adatta perfettamente: (E’passato l’anno vecchio, trà, lalla, là, là, là, là! sia quel nuovo più propizio, trà lalla, là, là, là, lààààà!!!) TANTI AUGURI A TUTTI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *