L’ultima possibilità

Il Governo Letta ha perso per strada Forza Italia. Non è una cosa da poco. Secondo gli ultimi sondaggi si tratta del venti per cento dell’elettorato. Oggi il presidente del Consiglio sale al Quirinale per riferire a Napolitano e vedremo se il Capo dello Stato gli lascerà davvero tempo fino a dopo le primarie del Pd, in  calendario domenica prossima, l’8 dicembre.

Resta un fatto fondamentale: adesso o il Governo fa qualcosa o è meglio andare a votare di nuovo.

Non è possibile che si prosegua nelle difficoltà delle ultime settimane.

Voi che cosa pensate? A che condizione è giusto che Letta resti? O non sarebbe meglio votare in primavera?

Ne parliamo giovedì prossimo nella consueta videochat alle 14,30.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

8 risposte a “L’ultima possibilità

  1. BASTA BASTA!. Ora hanno toccato il fondo, l’Italia non ne può più di questo carosello. Tutte le coalizioni di sinistra, di destra, di centro, di saggi, poi destra e sinistra assieme, tutti propagandisti di cose da fare d’urgenza. Penso che se almeno avrebbero fatto la legge elettorale ci sarebbe un salva condotto, in caso di nuove elezioni sarebbe nato un governo totalmente responsabile. Ciò che hanno fatto finora lo vedono tutti anche chi di politica non ne hanno mai voluto vedere ne sentire, penso che questi cittadini siano i veri SAGGI, perchè costoro hanno salvato il loro fegato.

  2. Ma parliamoci chiaro e credo sia la cosa più importante per la quale gli italiani vogliano chiarezza appunto!,cominciamo col dire che se è un governo forte e coeso…………………………..non credo proprio che questo lo sia e visti gli sviluppi in queste tre settimane è l’ennesima dimostrazione del fallimento di questo esecutivo.Insomma!,son tutti capaci a star seduti su quelle poltrone ma credo che vadano anche meritate o mi sbaglio………………………….fino ad ora sono stati capaci a far tasse su tasse e questa per i governi italiani non è una novità,ma la vera sfida è nell’essere capaci di dar una scossa a questo baraccone che ci costa sia come stipendi e son i più alti della zona euro,che come sprechi.Votare in primavera lei dice?,questo vuol dire altri costi su costi e il paese è già allo stremo…………………….però credo sia la cura giusta!.Ho letto che renzi se eletto voglia risparmiare 1 miliardo o più sulla politica,ma glielo auguro! anche se queste promesse le faccia con le galline e non prenda in giro il popolo italiano,perchè la gente non è così stupida come lui pensa ma poi non tirate troppo la corda signori politici perché sento un aria non buona per voi quando scenderete in piazza nel fare i vostri sproloqui!.Infine vorrei dire che questo paese vuole vivere a lungo e voi burattini lo state facendo morire poco a poco ma attenti a voi……………………………

  3. Potrò essere definita incompetente , populista ecc., ma nel mio piccolo penso l’Italia ha tanti mali cronici, ma questo “virus depressione” che questi ultimi due governi (non del popolo) ci propagano è IMMORALE! Si, è immorale far vivere le famiglie in continua frustrazione economica e di conseguenza sociale: se ora non si dice che questo governo non risponde più agli accordi iniziali è l’ennesima violenza psichica che subiamo.

  4. Buongiorno.
    Andare al voto in primavera sarebbe la cosa migliore e senza dubbio, una scelta ponderata. Dopo quello
    che è successo, gli animi sono ancora troppo tesi e sono convinto che andare alle urne in questo preciso
    momento, sarebbe una catastrofe. Vincerebbe il voto di protesta ed è quello che l’Italia, deve evitare. La
    situazione è veramente difficile e ci vuole un partito che sappia uscire da questa crisi. La dittatura dei vari giudici e pm, hanno cacciato Berlusconi dal panorama politico, ok ! Ma tutti i politici se ne devono
    andare, la corruzione per loro è la regola e su questo non ci piove. E tutti, intendo anche il partito del
    cabarettista genovese, l’unica cosa che sa fare bene è senza dubbio quella di offendere e in politica, per
    il momento ci vuole diplomazia. Presto si passerà alla vera lotta fisica. Diamo per l’ultima volta, la possibilità a questo Paese, di riprendersi la posizione da leader, che aveva un tempo. Letta ha fallito, i
    traditori della nuova destra, avranno una sorpresa dal sapore molto amaro e Renzi è in attesa del primo
    treno. FI stà caricando le batterie e gli stupidi che credono che sia morta, alle urne avranno anche loro,
    un amara sorpresa. Voglio avvertire a nome mio e penso di parlare a nome di tutti gli Italiani, cari politici, questa è la vostra ultima possibilità, se fallirete ancora, l’Italia entrerà in un periodo molto ma
    molto buio e sarà facile il ritorno degli anni 60′ 70′. Per una volta nella vita, cercate di lavorare per il bene del Paese e non per i vostri esclusivi interessi.
    Cordialmente.
    W l’Italia.

  5. Ritornando al titolo dell’articolo:l’ultima possibilità,sembra chiaro che già si dia spacciato questo governo………………..e come non darvi torto!.La cosa che mi fa più rammaricare anzi infuriare credo sia la parola giusta………………………….nel vedere che quando vengono intervistati i politici dicano sempre:senso del dovere e responsabilità nazionale.Ma si rendono conto dell’importanza di questi concetti o chè?,guardate che la causa di tutto il caos che stiamo assistendo siete voi!…………………………a mè sembra che non ve ne rendiate conto di come sia ridotto questo paese sommerso da mille problemi,mentre voi eravate dove?…………………….ah sì,impegnati a cacciare Berlusconi dal governo e la sua decadenza da senatore,bravi! dico io,perchè se l’impegno e l’unità d’intenti usata per il leader del centro destra venisse usata per sistemare il paese,saremmo i primi in europa!.

  6. andare a votare? PERCHE’? PER CHI? CERTAMENTE PER RITORNARE CON GLI STESSI SOGGETTI CHE GIA’ INQUINANO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  7. Nei miei due precedenti commenti si vede dalle mie parole,quello che a mio parere si sente per strada e cioè siamo alla frutta con questo governo ma se andassimo alle urne in primavera chì votare?.Votare? dite voi?…………………………ma non essendoci ancora accordi sul porcellum o mattarellum,più che alle urne mi sembra di andare dal salumiere o dal fornaio!.Vedete cari signori della politica vorrei dirvi che mentre sarete impegnati a decidere che fare…………………………….questo paese fatelo governare direttamente dai cittadini,perchè credo solo loro sappiano quali siano i veri problemi da risolvere………………………….capito?.OPPS!…………..scusate,mentre decidete,perchè non andate su marte o giove………………..così almeno ci lasciate sistemare i vostri casini,però lasciate quìì i vostri stipendi…………….perché almeno avremmo i soldi!………………….grazie!.

  8. Che cosa ne pensiamo ? Non c’è niente da pensare : siamo nauseati da una classe politica che si sta dimostrando la manifestazione più mediocre e infima dell’Italianità. L’ultimo dei cittadini italiani , nella sua modestia ha più dignità , più efficienza e più senso di responsabilità dei nostri politici , non tutti , ma di un buon numero , quanto basta per infangare la politica e far sprofondare in basso il Paese che ha più risorse umane , culturali , artistiche e paesistiche del mondo. Dobbiamo eliminare le mele marce e giudicare i politici dai risultati , se i risultati non vengono tutti a casa e sostituzione con nuove figure , gente capace e competente in un settore specifico e che si occuperà dell’amministrazione del Paese in quel settore . Via i politici che non hanno dimostrato sul campo capacità e competenze specifiche nel campo del lavoro e della produttività. I politici devono essere competenti in prima persona in ciò che andranno ad amministrare , senza doversi affidare a commissioni su commissioni di cui non sono in grado di giudicare l’operato per incompetenza dando vita ad una piovra di burocrazia e di clientelismi incontrollabili. Sono queste piovre che ci stanno dissanguando. Dobbiamo cambiare la struttura organizzativa dei politici che vanno selezionati dai cittadini e sottoposti ad un controllo continuo sul loro operato . Chi non dimostra sul campo di avere le capacità necessarie a dare risultati positivi deve essere cacciato via subito. La giustizia come tutti i settori della collettività deve essere sottoposta a controlli . CHI SBAGLIA PAGA deve diventare l’imperativo categorico per tutte le categorie sociali e per tuti i singoli cittadini , nessuno escluso. Se non si tolgono le metastasi che ci stanno soffocando non usciremo fuori da uno sprofondamento che adesso si sta manifestando sotto forma di crisi ma che ha una storia di decenni di malcostume e che se continua ci porterà al completo annullamento. Grazie per l’opportunità che date di poter esprimere il nostro pensiero e il nostro stato d’animo. Un cordiale saluto a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *