Civiltà carceraria

Siete d’accordo con Renzi o con Napolitano? Il Sindaco di Firenze ha aperto la sua campagna elettorale nella corsa alla segreteria del Pd, criticando il messaggio del Capo dello Stato alle camere. Sarebbe diseducativo, secondo Renzi, pensare all’amnistia e all’indulto. Mentre il Pd è il “partito della legalità”.

Diversi ministri del governo Letta lo hanno criticato, accusandolo di inseguire gli umori della gente e “la pancia del Paese”. Il Quirinale ha fatto trapelare irritazione per la polemica, mentre commentatori a lui più vicini parlano di un “partito kamikaze”, non più ingessato nei riti e nelle ipocrisie del passato.

Restano i fatti. L’Europa ci contesta, anche formalmente, la disumanità delle nostre carceri e i cittadini che si appellano a Strasburgo ottengono risarcimenti perché c’è l’ombra della tortura e del mancato rispetto della minima condizione umana, che va garantita anche ai detenuti. Presto diventerà un problema anche economico per il nostro Stato, visto che i ricorrenti sono centinaia e ad ognuno dovranno essere rimborsati almeno 100mila euro.

La riposta non può essere: la gente vuole che si butti la chiave. E’ un desiderio barbaro, che il possibile leader di un partito democratico moderno a vocazione maggioritaria dovrebbe contrastare. E non assecondare.

Non è forse più diseducativo predicare carcere per tutti?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Civiltà carceraria

  1. LE CARCERI CI SONO NUOVE MODERNE PERO ABBANDONATE E INUTILIZZATE DALLO STATO,GIA IN ITALIA CHI COMPIE REATI GRAVI NON SCONTA MAI TOTALMENTE LA LA PENA ANZI ADDIRITTURA PER NIENTE,PER I PICCOLI REATI PUO ESSERE ANCHE GIUSTA L’AMNISTIA O I RIFORMATORI,MA NON PER I CRIMINALI INCALLITIO PER REATI MOLTO’ GRAVI DOVE LE VITTIME DEVONO ESSERE IN TUTTI I MODI SALVAGUARDATE E TUTELATE, SE ESISTE UNO STATO CIVILE!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *