Accesso al credito

Martedì, è il momento di Mr.Baltic:

 

Finalmente! Dopo un lungo periodo di “rubinetti del credito chiusi” alcuni Istituti bancari (in prevalenza stranieri) hanno iniziato ad erogare nuovamente credito per l’acquisto o la ristrutturazione delle abitazioni. Auspico che non sia un caso isolato, ma che si crei la situazione di una seria ed etica ripartenza del mercato immobiliare. Ovviamente non credo che torneremo ai fasti del passato, anzi spero vivamente che la crisi abbia fatto pulizia di tante situazione di comportamento scorretto da parte degli operatori.

Inizio a riscontrare collaborazioni tra i classici operatori dell’edilizia e le aziende che costruiscono case in legno.  Ora ci vorrebbe una maggiore “attività” da parte dei tecnici nel campo della bio edilizia e da parte delle istituzioni nel prevedere strumenti e normative sempre più dirette verso il risparmio energetico e nel costruire/ristrutturare in modo corretto.

Ritengo inoltre che si dovrebbe fare molta attenzione, da parte degli organi competenti, nel verificare, ottenere e in modo chiaro, informare, degli incentivi ed agevolazioni di Fondi Comunitari.

Con l’italica arte del sapersi arrangiare e con i pochi strumenti a disposizione si può iniziare a ripartire, un passo alla volta, ma ci vuole la volontà da parte di tutti.

Mr. Baltic

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Accesso al credito

  1. Buongiorno mister baltic,la sua richiesta di attività da parte di istituzioni e organi di competenza credo sia una richiesta nazionale!.La parola attività da lei prima citata non credo che questo governo e i suoi rappresentanti sappiano cosa vuol dire,perchè i tempi di attivazione su certe tematiche sono pressoché lunghi o meglio dire eterni!.Abbiamo un mercato talmente bloccato e fermo,la sensazione è quella che siano tutti in attesa di eventi che mai arriveranno se non si sbloccano quelle leggi alle quali diano inizio appunto a qualcosa di concreto.Quindi aspettiamo solo che il famoso decreto del fare di questo governo entri in vigore o altrimenti la sua richiesta di attività sembra inutile ma certamente opinabile!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *