La casa degli italiani

Il compromesso è la sostanza buona della politica. La sua parte migliore. Il Consiglio dei Ministri di ieri ha un aspetto storico: viene abolita l’Imu sulla prima casa. E’ la prima misura che allevia il carico fiscale che grava pesantemente su ogni cittadino. Un fatto importante, epocale.

Pensatela come volete sul governo Letta, ma ha avuto il coraggio di fare la cosa giusta, senza preoccuparsi che la chiedevano soprattutto il Pdl e Silvio Berlusconi. Oggi Il Sole 24 Ore riporta delle pagelle in prima pagina con le quali valuta le decisioni prese ieri.

Non a caso il giornale economico promuove a pieni voti l’abolizione dell’Imu ed esultano le associazioni degli edili perché insieme alla fine della tassa, ci sono incentivi per gli acquisti della prima casa da parte di giovani e precari e aiuti per chi non è riuscito a pagare il mutuo.

Tutte le speculazioni su chi convenga ciò che è stato deciso, che angustiano i commentatori da destra a sinistra, rischiano di mettere in secondo piano la cosa più importante: stiamo parlano della casa degli italiani.

E questo conta davvero.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

10 risposte a “La casa degli italiani

  1. Scusate!,ma forse sono l’unico a sentirmi doppiamente preso in giro?.Che c’è da esultare?,il governo ha sìì tolto l’imu ma ci ha regalato un altra tassa,ovvero la servicetax!…………………ma per favore!.Il vero miracolo sarebbe stato togliere l’imu senza dover aggiungere altre tasse,ma anche stavolta i padroni del paese dei balocchi si possono vantare di aver salvato cosa?,nulla!……………….dico io!.Non esultate signori politici perché il debito pubblico di questo paese è ancora e sempre più alle stelle,ma credo lo spettro dell’imu continuerà a ronzare nelle vostre teste e alla prima difficoltà ove non troverete coperture economiche,lo spettro farà ancora visita agli italiani che ancora felici della notizia non si accorgeranno dell’volta gabbana di questi personaggi!.

  2. Tolto l’imù,poi ci diranno che la crisi stà finendo…………………..sìì come l’estate dei righeira!.Le crisi non finiscono a comando e allora viene da chiedersi se non sia stato tutto studiato a tavolino da tutti i paesi della zona euro?,siamo seri!………………..abbiamo i conti e debito talmente in rosso e festeggiamo la fine dell’imù?.Mio dio siamo caduti così in basso e con questo risultato ci avviamo a presiedere il semestre di presidenza europea con questo esempio di soluzioni problematiche?,o mamma appena ci sentono parlare verremmo scambiati come il circo orfei!…………………senza offesa per il suddetto circo sia chiaro!.

  3. Buonasera. Oggetto: presi per il culo per l’ennesima volta. Tutti felici e contenti per l’esenzione
    dell’Imu. Mi auguro che le persone attirate in un simile tranello, siano veramente poche, altrimenti
    devo considerare il mio paese, un paese di boccaloni. Letta aveva promesso le vere riforme, la P.A, la giustizia e l’adeguamento degli stipendi d’oro, degli stessi politici e nulla è stato fatto. Una
    semplice zolletta di zucchero che, di solito si dà al cavallo, ha reso felici gli Italiani. Lo stesso Letta
    ha dichiarato che, nel 2014 si pagherà una tassa aggiuntiva sui rifiuti e verrà calcolata secondo il
    numero delle persone che, abitano in una casa. Il singol pagherà una cifra irrisoria, mentre per la
    famiglia numerosa, si prevede un salasso. Geniale idea !! Togliere una tassa e rimetterne un altra
    è una semplice presa per il culo. Scusate la volgarità ma, ritengo un tale comportamento da parte
    dei nostri politici, molto più volgare e cruento. Ci considerano dei veri imbecilli e questo non lo
    accetto, nella maniera più assoluta. Promesse mai mantenute, la priorità maggiore sono i loro
    stipendi faraonici e le loro pensioni d’oro, quello è un tasto che, non deve essere nemmeno sfiorato. La cosa che, fà più ridere è che, nonostante il debito pubblico che continua a salire,hanno
    il coraggio di parlare di ripresa. Ma questa gente, dove ha imparato a fare politica ? Forse ho
    capito !! Sui videogiochi !! Cordialmente. Ciao Gianfranco.

  4. Buonasera. Siete ridicoli, comici travestiti da uomini di governo è veramente una cosa deprimente
    e assolutamente incomprensibile. Ieri avete deliberato l’annullamento della tassa sulla prima casa,
    oggi il Presidente della Repubblica ha promosso quattro nuovi senatori a vita. Sinceramente trovo la cosa molto strana, evidentemente la parola risparmiare è un esclusiva del popolo e non tocca
    minimamente il sistema politico. Sono mesi che, nei miei commenti, sottolineo l’inutilità di avere
    senatori a vita, per un semplicissimo motivo, costano alla comunità una marea di soldi e fino al loro ultimo respiro, la stessa comunità dovrà provvedere alle loro pensioni d’oro. Sarei felice se
    qualcuno mi spiegasse a cosa servono i senatori a vita. Personalmente li ritengo molto utili nel
    museo delle cere e non trovo altro, per giustificare uno spreco tanto oneroso. Se il paese deve
    tirare la cinghia, perchè il caro Napolitano, non dà un segno tangibile e di conseguenza elimini
    drasticamente ogni tipo di sprecho ? E’ il capo assoluto del paese e sarebbe di buon auspicio,
    vedere, la buona volontà di risparmiare su cose inutili. Ma purtroppo in questo meraviglioso
    paese, la comicità che regna all’interno della politica è ormai irrimediabilmente, in metastasi e
    nulla, potrà mai cambiare le regole. Altro che, la sovranità del popolo, questa è la vera sovranità
    del comicopolitico. Beppe Grillo, ha ragione da vendere, entrando nei palazzi del potere, si è
    trovato subito a suo agio, tra comici ci si intende. Cordialmente.

  5. E INTANTO NONOSTANTE LA CRISI NAPOLITANO NOMINA ALTRI QUATTRO SENATORI A VITA PAGATI NATURALMENTE CON LE NOSTRE TASCHE FIOR DI QUATTRINI,ALLA FACCIA DELLA CRISI,E UNA VERGOGNA!E I COMUNI NON HANNO NEANCHE I SOLDI PER SISTEMARE LE STRADE E PULIRE I MARCIAPIEDI…

  6. gentile DIRETTORE BANFI oggi ( 01 settembre ) lei ha visto con i suoi occhi la villa con piscina di BRUNETTA e leggendo ieri il FATTO QUOTIDIANO.IT ho scoperto che BRUNETTA non paga l ‘ IMU cosa ne pensa ? e’ giusto secondo LEI………….

    • Risponde Banfi. Non era la casa di Brunetta a Roma ma un hotel in Versilia che l’ospitava. Non c’è relazione con quanto scritto da Il Fatto, secondo cui per la sua residenza romana Brunetta non paga l’Imu perché è prima casa. Anche il direttore de Il Fatto se ha la piscina nella sua prima casa non paga l’Imu per quella casa. E’ una non notizia, è un non scandalo, tant’è vero che nessun giornale italiano di oggi ha ripreso il presunto scoop di ieri…

  7. Buongiorno. Ogni paese ha i politici che si merita e l’Italia non è certo da meno. Ci lamentiamo di
    tutto quello che la politica mette in atto, leggi, aumenti indiscriminati, arroganza e onnipotenza nel
    modo di gestire il paese, ruberie perpetrate senza vergogna, ecc. Ma al preciso momento di dare
    un segno tangibile, parlo del momento delle elezioni, tutti alle urne senza vergogna. Non riesco a
    capire se noi Italiani lo facciamo apposta, o siamo veramente un popolo di coglioni. Detesto le
    persone che, dicono che andare a votare sia un dovere, un dovere è sicuramente governare un
    paese nel migliore dei modi, senza colpire le persone meno fortunate e di conseguenza i ceti più
    poveri. Dare il proprio voto a un partito o a un politico, significa responsabilizzare una persona che
    ben pagata e con tutti i benefici possibili, si comporti in modo onesto e faccia gli interessi di migliaia di persone che l’hanno votato. In Italia questo non succede, quando un politico arriva ai
    palazzi del potere, si dimentica degli elettori e si comporta come l’ultimo dei furfanti. Perchè lo
    strano comportamento di un politico, merita un voto ? Non dobbiamo più dare senza avere è un
    nostro sacrosanto diritto. La Grecia, o meglio i Greci sono scesi in piazza stanchi dei continui e
    inutili comportamenti dei loro politici e hanno avuto sostanziali aiuti economici da parte della CE.
    La mia curiosità mi spinge inesorabilmente a sottoporvi una domanda. Siamo un popolo di coglioni
    o di masochisti ? Sicuramente la stragrande maggioranza mi dirà che non si sente un coglione, in
    questo caso rimane la reale voglia di farci del male. Ok, avanti così !!! Cordialmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *