Verso la crisi

Il tempo si è fatto breve. Dopo la nota emessa dal Quirinale alla vigilia di Ferragosto, la questione non sembra riguardare più la Grazia per Silvio Berlusconi. Il tema è diventato l’applicazione della Legge Severino.

E’ Berlusconi ancora candidabile alle prossime elezioni? Deve decadere immediatamente da senatore?

Sono due questioni che la Giunta del Senato inizierà ad affrontare il 9 settembre. La sensazione però è che il Pd abbia già deciso di votare per la decadenza di Berlusconi, e non ci siano margini di trattativa (nonostante gli sforzi dei vari Alfano e Lupi).

A questo punto si va verso l’uscita del Pdl dal Governo Letta, cioè verso la crisi e forse verso nuove elezioni politiche entro Natale.

Berlusconi ha deciso. Epifani è convinto. L’unico a rimanere ottimista è Enrico Letta, la vittima designata.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

16 risposte a “Verso la crisi

  1. Il Paese deve essere ricostruito di sana pianta. Possibile che nessuno se ne sia accorto. Prima della rovina definitiva, siamo ancora in tempo per riprogrammare uno Stato giusto, tutti insieme.
    Abbiamo la possibilità con i nuovi mezzi tecnologici di votare una nuova Costituzione a suffragio universale. Abbiamo la possibilità di scegliere la persona o le persone, che potranno gestire Lo Stato. I nuovi percorsi, tutto finalmente alla luce del sole.

  2. Buonasera. Affermare che, la vittima sacrificabile sia Enrico Letta mi sembra molto azzardato e non certamente in linea con quanto successo nelle ultime settimane. Il Presidente del Consiglio si
    è preso la responsabilità di risistemare un sistema malato e ormai al capolinea, non ha fatto molto
    per consacrarsi vero leader e quello che gli si presenta d’avanti, non è certo di facile risoluzione.
    Come sappiamo tutti, l’autunno ha portato e porterà sempre i problemi maggiori e le sacrosante
    modifiche al nostro sistema politico, saranno le priorità che Letta dovrà affrontare senza guardare
    in faccia a nessuno. Oggi lo stesso ha affermato che la ripresa è vicina e il brutto è passato, nulla
    di più assurdo. Hanno chiuso un sacco di aziende e quelle poche che hanno aperto, non possono
    fare testo, affermare che sono state aperte numerose partite Iva è una cosa demenziale, vorrei
    sapere quante anno chiuso, personalmente ritengo la proporzione 5 a 10 e voglio essere buono.
    Caro dott. Banfi, ritengo Silvio Berlusconi, la vera vittima designata, ha pagato la cattiveria di
    media e tv e l’onnipotenza di un giudice che, prima ancora di terminare il processo, conosceva già la sentenza. Ci vuole buon senso e questa causa, ha dimostrato che il buon senso è stato negato,
    a favore di una libidinosa sete di protagonismo. Tornare alle urne a Natale ? Sarebbe la fine di tutto, soldi ancora una volta, buttati dalla finestra e inesorabilmente costretti a ricominciare tutto
    d’accapo. Non mi sembra una strategia vincente e risolutoria. Sbaglio ? Quello che deve fare il
    governo è semplice, semplificare le cose, tagliare le spese superflue e infine, usare il buon senso
    a favore e per salvare l’Italia intera. Cordialmente. W l’Italia e il tricolore.

  3. LETTA DICE CHE CON QUESTO GOVERNO USCIREMO DALLA CRISI,MA A ME SEMBRA A VEDERE DALLE BORSE EUROPEE E DALLO SPRED CHE LE COSE SI METTANO SEMPRE PIU’ MALE ANZI MALISSIMO,DOV’E’ QUESTA RIPRESA,INTANTO CONTINUA L’ASSEDIO DELLO SBARCO DI CLANDESTINI SULLE NOSTRE COSTE.

  4. Io penso che tutta questa cozzaglia di gente chiamata governo non sia in grado di gestire questa crisi e sia venuto il momento nella risoluzioni di problemi urgenti come il mondo del lavoro e le sue regole,poi con questa legge del fare siano solo tasse mascherate………………………..e di questo il paese ne è pieno già!.Quindi a mio parere il vero problema sia e sempre lo è,sono le spese di gestione di questi personaggi che san fare solo dei teatrini per conquistare la poltrona e relativi benefici che essa dà.Insomma……………………oggi Berlusconi e domani?,chì sarà il capo espiatorio di questa giustizia che non da oggi viene definita politicizzata,passando dai casi craxi o enzo tortora e li dico come esempi certi!.I temi caldi da affrontare prima del nostro semestre di presidenza europea sono proprio giustizia e lavoro,non ultimo poi è una legge elettorale ma non fatta da politici,perchè altrimenti saremmo di nuovo qui a perdere tempo con i loro magheggi ma fatta dal popolo che è il vero ago della bilancia!.

  5. Stimato direttore, inutile dire che sono un Suo affezionato ascoltatore. Vorrei segnalarLe un’ipotesi .
    Se come generalmente previsto la Consulta dichiarerà l’incostituzionalità del “Porcellum” verrebbe di conseguenza dichiarata la decadenza dell’attuale parlamento e del presidente della Repubblica che è stato confermato. Giusto ? Quindi evitiamo di modificare la legge elettorale in attesa della sentenza della “Suprema Corte” per sollevare subito dopo la questione costituzionale sulla validità del parlamento. Grazie Massimo Schiavi

  6. Certo che se la grettezza é fra i politici allora se si Discutono fra loro,non i é pace,ma litigio e prendendo molto in un minuto primo,cioè circa 2148€ che anche fra loro discussioni,cercano la via di Reggerne ma devono almeno non fare come la Russia che fa fiera e Basta.Se non cercano Dio,allora é come volersi salvare il Governo,ma rovinandolo.Buongiorno;deve reggere il Governo,se no,Tutte le aziende falliscono,gli Stabilimenti eccetera.

  7. il PdL si deve dimettere in MASSA insieme a Berlusconi e poi vedremo la sinistra comunista cosa farà! Faranno il partito unico? Tanto il Re ce l’hanno già e il loro sogno si avvera, ci hanno messo venti anni ma alla fine con l’aiuto di certi giudici faranno la dittatura “democratica”. Loro quando parlano di democratico intendono il contrario…

  8. Letta parla di ripresa che non c’è e non ci sarà, soltanto per far ricadere sul centro destra la responsabilità di aver soffocato la ripresa. Questa non ci sarà perchè non possono abbassare le tasse specie quelle sul lavoro. Dove prendono i soldi se le abbassano per pagare le pensioni e i loro lauti stipendi e pensioni d’oro? Quindi staremo in perenne agonia. Berlusconi finalmente lo eliminano e se fa cadere questo governo fantoccio la colpa sarà SUA. Per la sinistra il tanto peggio è sempre stato tanto meglio. In tutto il mondo questi sono sempre stati “rovina popolo”.

  9. Caro Ferraro Antonio, belle le tue idee ma ricordati che la sinistra questo non lo vuole e con i certi suoi giudici addomesticati metteranno sempre nei guai chi ci prova. Berlusconi docet…

  10. Buonasera. Prepariamoci alla fine. Sembra il titolo di un libro ma è quello che presto succederà a
    questo paese, non vedo via d’uscita e in molti la pensano come me. Berlusconi ha messo le mani
    avanti affermando che, se il governo salterà, non sarà certamente colpa sua e certamente una
    frase del genere, deve essere interpretata come un avviso al popolo e questo non è certamente un buon segno. La sinistra dovrà inesorabilmente, fare i conti con i vari scandali che ultimamente
    sono saliti alla ribalta, uno di questi è sicuramente il caso MPS, che porterà una serie di guai al Pd
    e di conseguenza una serie di lotte interne al partito e la lotta interna al partito stesso, sarà molto
    cruenta. Il nostro paese dovrà vedersela con i vari sbarchi di migranti che, dall’Egitto e dalla Siria,
    invaderà in modo incontrollato, la nostra penisola. E questo sarà un problema certamente da non
    sottovalutare, oltre ai nostri problemi interni, spenderemo un sacco di soldi per questa ormai
    datata consuetudine. Con il Pdl e il Pd sobbarcati da vari problemi, saremo costretti a dare in mano l’Italia a un personaggio come Beppe Grillo ? Con tutto il rispetto per il comico genovese, mi sembra una cosa demenziale, di comici al governo ne abbiamo già abbastanza, non ne serve
    un altro. Tornare al voto ? Sarebbe un disastro e lo scenario che porterebbero i risultati, sarebbe
    identico a questo. Ecco perchè, prevedo la fine di questo sistema politico, ci vuole gente nuova e
    sopra ogni cosa, gente che ami questo paese e non lavori solo per lo stipendio. Cordialmente.

  11. Il PdL si deve dimettere in massa. Basta dare le “perle” ai porci. Con la sinistra al governo l’Italia non farà nessun passo avanti e tantomeno verso la soluzione della crisi. Gli italiani se si vogliono salvare devono dare voti a Berlusconi.

  12. Chi vince e chi perde, non è colpa nostra, sono stati loro. BASTA!. E’ ora di smettere di continuare con gli stessi argomenti, parlate con qualsiasi cittadino che incontrate in ogni luogo d’Italia, sono tutti stufi e nauseati di sentire sempre accuse su gli uni o su altri, non vi accorgete che trovate sempre la stessa risposta. E’ tutta una schifezza, non c’è da destra a sinistra, sono tutti uguali, si danno colpa l’un l’altro, fanno questo per mantenere il caos, il caos per loro è tutta manna, degli interessi della nazione se ne fregano, fanno solo i suoi. NON voglio fare tutta d’un erba un fascio, perchè penso che trà loro, in minoranza, ci siano onorevoli degni, nel senso della parola.
    Tutti gli stati dell’unione europea hanno i loro problemi, ma sebbene i costi dei loro parlamentari siano molto inferiori di quelli dei nostri ciarlatani, i loro stati li fanno funzionare dignitosamente.
    Gli italiani che vivono all’estero specialmente negli stati europei, amano la nostra PATRIA ma si VERGOGNANO di certi nostri amministratori e di quei illustri qui chiamati onorevoli.

  13. Buonasera. Forse nella nostra inconsapevolezza, non ci rendiamo conto di come i nostri politici,
    hanno ridotto questo meraviglioso paese. Il nostro prelievo fiscale è il più alto di tutto il panorama
    europeo, ciò nonostante i servizi a noi destinati sono da terzo mondo. I diritti sono ormai solo a completa disposizione degli extracomunitari e per gli Italiani rimasti senza lavoro, resta solo una
    cosa, arrangiarsi. La giustizia è completamente a favore della criminalità e rende gli stessi, sempre
    più forti e consapevoli che, non verranno mai puniti. Affermare che ci sono onorevoli degni di stare
    dove stanno è solo un banalissimo errore, quando varcano la soglia dei palazzi del potere, remano
    tutti nella stessa direzione, senza badare minimamente alle vere necessità del paese. E questo è il
    risultato del loro duro lavoro. La crisi che, colpirà il nostro paese sarà devastante e personalmente
    ritorno con la memoria agli anni 70′ dove la paura serpeggiava in ogni angolo di strada. La paura
    del terrorismo di casa nostra, gli attentati a politici, giornalisti, industriali, ecc. era palpabile e il
    ritorno alla normalità fù sancito con una lista di morti, lunga un kilometro. Mi auguro che gli anni
    che hanno segnato la storia d’Italia, non tornino più. Ma purtroppo continuando in questo modo,
    saremo sempre più esposti alla reale destabilizzazione del paese. Cordialmente.

  14. Quattro nuovi senatori a vita. Ho molta stima per tutti quattro, sono dei superman nei loro mestieri
    e portano un grande onore al popolo Italiano. Mischiarli nella politica credo che per loro non sia un avanzamento ma sia un degradamento, penso che abbassarsi solo per dare una mano al voto per una maggioranza non faccia piacere a nussuno e nemmeno che abbiano bisogno del vitalizio.

  15. Il Nostro grande problema è che non abbiamo dei politici con grandi attributi,dovrebbero farsi sentire in Europa ed invece a capo chino mettono in atto quello che ci comandano questi pseudo europeisti.
    Stanno facendo in modo che possono inserirsi nel nostro tessuto economico con bassi costi imprenditoriali,certo che gli stiamo dando una grande mano.Sveglia politici del cavolo ,fatevi sentire, rivediamo i patti di stabilità o l’Italia mantiene l’Euro ma esce dall’Europa,e credo che anche altre Nazioni faranno altrettanto.Che si facciano l’Europa questi paesi “virtuosi” ma che in nome del profitto affamano gli altri,Un Europa unità deve essere non solo Econimica ma soprattutto avere il rispetto per la dignità umana specialmene per quei popoli che sono in grande difficoltà, se questo per Loro è impossibile che se ne vadano al quel paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *