Italica confusione

Spazio a Mr.Baltic:
Come tutti leggo le notizie riportate sui media relativamente alla crisi economia e politica che sta attanagliando il nostro bel Paese. Lo scoramento pervade moltissimi di noi.
Ma….dovremmo fare anche un Mea Culpa.
Nel sistema edilizio italiano (ma questo ragionamento vale anche per molti altri ambiti) vige la regola della sistematica confusione. Più c’è confusione e più risulta facile “fregare” il povero derelitto, raccontare “balle” e vendere fumo.

Faccio un esempio pratico a seguito di una ricerca su Internet relativamente alle case in legno. Molti siti propongono case a prezzi più o meno interessanti ma che attraggono, ovviamente, l’interesse dei potenziali clienti. Indicano dei capitolati (chiavi in mano) per tali prezzi, ma se poi si va a vedere nello specifico, si trovano tanti “ESCLUSO” o peggio ancora tante indicazioni“ESTREMAMENTE” vaghe. Ovviamente fa parte del nostro sistema di distogliere l’attenzione per colpire alla fine in modo scorretto. In questo caso è abbastanza facile risolvere il problema, richiedendo alle aziende che forniscono i preventivi, di allegare le schede tecniche dei materiali utilizzati per il calcolo del preventivo. Cosa che suggerisco a tutti di fare (non è solo lo spessore dei muri che conta, ma la anche la qualità e la tipologia dei materiali utilizzati).

La domanda che mi pongo è: ma come possiamo lamentarci di un classe politica di furbetti, quando noi stessi ci comportiamo in siffatta maniera nel nostro quotidiano operare? Forse è ora di cambiare e di essere un pò più etici….

Buon Ferragosto a tutti.

Mr. Baltic

6 risposte a “Italica confusione

  1. Buongiorno. @ Mr. Baltic. Sono pienamente d’accordo con lei, questo paese è in mano ai soliti
    furbetti del quartiere. Ci lamentiamo dei politici che rubano ma, non facciamo niente per migliorare
    il mondo degli affari. E’ vero che i nostri politici dovrebbero essere i primi a dare il buon esempio,
    ma il popolo dovrebbe fare di tutto per migliorare le cose, comportandosi in modo corretto. Nel
    momento che, andiamo ad acquistare qualche cosa di importante, ci troviamo sistematicamente in
    una giungla di personaggi non certo cristallini che, fanno di tutto per fregarti e questo non è certo
    un comportamento responsabile. E questo comportamento è diventato una regola. Parlo spesso con persone straniere che, vengono in Italia per lavoro, per la maggior parte Inglesi e spesso mi
    trovo a disagio per quello che, mi viene detto, ristoranti che non rilasciano scontrini, tassisti che,
    giocano sul percorso, bar che, fanno pagare a loro, cifre astronomiche, ecc. e purtroppo è la reale
    verità. Fregare il prossimo è una cosa che l’Italiano ha nel proprio Dna. Vedo un miglioramento da
    parte dei giovani, li ritengo più corretti e chiari, ma la generazione di noi cinquantenni è veramente
    patetica, si devono fare i soldi velocemente e senza remore. Il mondo dell’eledilizia è uno di quelli,
    per anni hanno fatto milioni, lavorando male e rivendendo a prezzi quadruplicati, fatture false, case costruite con materiali scadenti e fatte passare per case esclusive e tanto altro ancora. Ora
    che le imprese edili sono al collasso, si vendono per pochi spiccioli. Grande politica economica. Tutti noi, dobbiamo imparare a lavorare senza pensare di fare i soldi nel minor tempo possibile e
    rispettare il cliente, senza clausule microscopiche incomprensibili, il prezzo finale deve essere chiaro e senza aggiungere nulla. L’ultima e sicuramente la più importante regola è usare il buon
    senso. Cordialmente.
    Buon ferragosto a tutti.

    • Buongiorno Marco e Gianfranco,

      purtroppo il senso di termini come codice deontologico, buon senso del padre di famiglia, correttezza ed etica è spesso sconosciuto o peggio ancora volutamente non considerato. Fintanto che non ci riallineiamo su questi valori, come su altri, non possiamo certo pensare di metterci in riga ed iniziare a vivere “normalmente”. La politica ha di certo le sue colpe e carenze ma anche noi ci mettiamo del nostro e sull’edilizia si vede eccome. Anche sulla bio edilizia e sulle case prefabbricate c’è molta acqua sporca.

      Mr. Baltic

    • Risponde Mr. Baltic:

      Buongiorno Sig. Marco, direi che il proverbio calza a pennello sia che lo leggiamo da un lato che dall’altro della barricata. Certi comportamenti/atteggiamenti non fanno che promuovere e/o giustificare questo cattivo operare da parte di tutti. E’ fuori dubbio, come scrive Lei, che una burocrazia meno onerosa e più snella sia auspicabile in quanto promotrice di lavoro e non un freno a mano tirato. Poi sull’ultimo punto “l’eterna lotta al Dio denaro”, ritengo che tutti dovremmo fare un’analisi di coscienza e tornare con i piedi per terra…
      Un caro saluto a Lei e a tutti i lettori.

  2. Io purtoppo ci son passato mister baltic quando dovevo acquistare un abitazione ove andato in cantiere mi son sentito dire che il muro si sia spostato magicamente nella successiva costruzione e che la porta a scomparsa così come era finalizzata nel progetto mostratomi non c’era spazio!.Insomma in quell’attimo magico la colpa era mia e se volevo la porta dovevo restringere il bagno!,poi mi ha pure detto che le misure variano da carta alla costruzione…………………………e questa magica fregatura mi è costata ben 10 mila euro!.Ho detto nel commento dovevo,perchè poi nulla si è fatto;ok sarò stato un pirla io ma queste magie non si possono prevedere.

  3. Buonasera. @ Gianfranco. Caro amico, capisco che, dal momento che ti sei recato in cantiere è
    iniziata, la fregatura da parte del costruttore ma, non capisco perchè non ti sei rivolto a un legale.
    Un muro non può spostarsi magicamente e questo fatto, in mano a un avvocato, giocava di certo
    a tuo favore e il responsabile del cantiere si sarebbe certamente, tirato indietro. Diecimila euro sono tanti soldi e prima di tirarli fuori, avresti dovuto pensarci sopra. Quando le cose sono chiare
    e palesemente a favore del truffato, si deve ricorrere inevitabilmente al legale. Non pensare che,
    voglia pubblicizzare la categoria degli avvocati e non lo sono nemmeno io, ma se esistono vuol dire che servono. Volevo ricordarti, ma sono sicuro che tu lo sappia, quando vinci una causa, la
    parte avversa, deve pagare le spese processuali e il tuo portafoglio rimane intatto. Non sei stato
    un pirla, molta gente cade inevitabilmente nelle fauci di gente pronta a darti una fregata, la cosa
    importante è cercare aiuto in amici e conoscenti e sopratutto parlare e ancora parlare di quello
    che ti stà per succedere. Ci sono passato anch’io e fortunatamente parlandone, ne sono uscito
    senza subire danni. Il nostro sistema del lavoro deve cambiare radicalmente e la gente che, vive
    per fregare il prossimo, deve pagare con la galera e la confisca di tutti i beni. Lo Stato deve capire
    queste cose e prendere seri provvedimenti. Cordialmente.

  4. Buonasera. Caro Mr. Baltic, un vecchio proverbio dice testualmente; chi cammina con lo zoppo,
    impara a zoppicare e ritengo questa affermazione molto attuale. I nostri politici cosa hanno fatto
    e cosa fanno ? Rubano senza un minimo di ritegno e allo stesso tempo cercano di far credere che,
    la colpa non è certo la loro. Con questo non voglio certamente giustificare, l’atteggiamento di certe
    persone che, lavorano cercando di fregare il prossimo, nel modo più meschino e arrogante. Sono
    convinto che l’esempio di onestà e trasparenza debba essere dato da chi ci guida e solo in quel modo la gente seguirà l’esempio. E’ estremamente facile fare terra bruciata intorno alla disonestà.
    L’edilizia è sempre stata legata alla politica, da un sottile filo invisibile e questa è stata la causa del
    crollo della stessa. Fallita la politica, fallita l’edilizia. Dobbiamo trovare una soluzione radicale, le
    varie imprese edili non devono passare dai vari comuni, regioni, province, assessori e politici
    compiacenti, bisogna tagliare i vari passaggi burocratici e corrotti. Ovviamente le persone in
    questione, dovranno imparare a usare onestà e buon senso. Personalmente ritengo possibile un
    miglioramento ma, il segnale deve venire dall’alto, quello che manca è sicuramente la voglia e
    l’eterna lotta al Dio denaro. Un caro saluto. Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *