La settimana decisiva

Comincia oggi una sette giorni che potrebbe rivelarsi decisiva per il futuro del Governo e, diciamolo pure, del Paese. La questione sul tavolo è sempre la stessa: il destino politico e personale di Silvio Berlusconi. Giorgio Napolitano ha fatto sapere al leader del centro destra che dovrebbe accettare pubblicamente la sentenza della Cassazione.

Ma che significa? Dimettersi da senatore? Rinunciare a difendersi dalle accuse? Ritirarsi dalla politica? E dalle azioni possibili, in ogni sede legittima, contro un Giudice e un giudizio che nei giorni scorsi hanno rivelato tanti lati oscuri?

Nel primo messaggio Berlusconi ha detto: “Resto in campo”. Bisogna vedere se questo restare in campo può assumere una forma che possa mantenere in vita l’alleanza di Governo con Pd e Scelta Civica. La partita di queste ore e di questi giorni si gioca tutta qui.

Altrimenti il Governo Letta cadrà, e non ci sarà solo l’Imu da pagare…

8 risposte a “La settimana decisiva

  1. Buongiorno. Siamo e saremo sempre un popolo sotto ricatto, ieri un politico ha affermato che, se
    il governo salterà, bisognerà pagare l’IMU. Questo non è un ragionamento da uomo politico è solo
    un dispetto di un bambino che, gli è stata tolta la cioccolata e non trova altro da dire. Comportarsi
    in questo modo è veramente terribile, come destabilizzare un paese, mettendo paura al popolo. Il
    capitolo Berlusconi è stato per una parte di giudici e politici, definitivamente chiuso, se pur usando
    mezzi non proprio consoni alla Costituzione e la disonestà e l’invidia, hanno giocato un ruolo senza
    dubbio, fondamentale. Caduta di stile del Presidente della Repubblica che, invece di formare una
    squadra per controllare l’operato dei giudici, ha portato ad esempio, Ponzio Pilato. Mi dovrebbe
    spiegare cosa vuol dire, accettare la sentenza della Cassazione? Non ho nemmeno la possibilità di
    difendermi da un accusa infamante nei miei confronti? Evviva la democrazia e la libertà. Sono mesi che, continuo a ripetere che siamo diventati un paese in mano a un branco di dittatori e la
    cosa più degradante è vedere le persone che vanno a votare questa gente. La Costituzione dice
    apertamente che, solo il popolo è sovrano, a me sembra il contrario, politici e giudici fanno il brutto e cattivo tempo. E il popolo? Continua nel suo sport preferito, calare i pantaloni. Alla fine il
    risultato sarà sempre lo stesso, Fanno e faranno sempre quello che vogliono perchè hanno trovato
    nell’Italiano, la pecora da sacrificare in nome della loro sete di potere e di denaro. Personalmente
    penso che, facciano bene, negli anni sono riusciti a sottomettere un paese intero, presentandosi
    in tv o sui giornali, con il sorriso sulla bocca e senza il minimo rimorso per le enormi cazzate che,
    quotidianamente combinano. Cordialmente.

  2. Bisogna attendere il collasso definitivo. Solo così si può cambiare. Siamo stati governati nel corso di questi anni da persone di varie specie……………. Quando non ci saranno più soldi nelle casse dello Stato, allora la cosa sarà seria. Continuare su questa strada ci porterà al collasso. Quindi bisogna pazientare ed attendere.
    Ci sarà a quel punto una nuova forza che prenderà le redini del Paese e che pianificherà un nuovo corso storico, sicuramente degno di un Paese civile. La Costituzione sarà rivisitata totalmente. Verrà pianificato un nuovo apparato burocratico, sicuramente non ci sanno più distinzioni tra il barbiere di città e quello della Camera. Mi piacerebbe sapere quali accorgimenti adotta il barbiere della Camera dei deputati rispetto al barbiere di città. Oltre a Berlusconi, si dovrebbero dimettere tutti coloro che lavorano all’interno dei due rami del Parlamento. Con lo stipendio che prendono i parlamentari possono farsi tagliare i capelli dal barbiere di casa loro. E’ giunta l’ora di incominciare a fare le persone serie, ci sono i nostri pensionati che sono costretti a sacrifici immensi.
    Non solo Berlusconi si è fatto le leggi ad personam forse vi sono degli altri.
    Saluti.

  3. Buonasera. Letta incontra Alessandro Profumo, ma vi rendete conto della gente che gira intorno
    alla politica Italiana ? Unicredit era sull’orlo del fallimento, MPS ha fatto sparire una montagna di
    denaro, soldi di poveri risparmiatori e Profumo, l’uomo che uscito da Unicredit è stato liquidato con
    più di cento milioni di euro, ora incontra il Presidente del Consiglio. Sempre e solo con i poteri forti
    e di conseguenza, uomini che, amano i soldi e il potere. Il partito che, rappresenta Letta, dovrebbe
    essere vicino ai problemi della povera gente e dimostrare rispetto per quella parte di Italiani ormai
    disorientati e delusi. Prendere accordi con un banchiere, presidente MPS, non è certamente una mossa astuta. Vuoi vedere che Letta è in cerca di elettori che, alle prossime elezioni lo sostengano
    e quale migliore alleato, di un personaggio come Profumo ? Messo quasi e sottolineo quasi a nanna
    il Cavaliere, si troverà un campo libero da ogni contrasto politico e da qualsiasi opposizione. Libero
    di agire come meglio crede, il M5S è al capolinea e finirà inesorabilmente sottomesso al PD. Il mio
    è solo un pensiero di un uomo che vede il suo paese, sprofondare giorno per giorno e non crede
    più nella politica. Banchieri, giudici, industriali, politici, comici milionari, portaborse, cardinali e chi
    ne ha, più ne metta. Tutta gente dai soldi facili e il popolo costretto ad andare a fare la spesa con
    la calcolatrice. Cordialmente.

  4. la sinistra non si smentisce mai. Incompetente, nullafacente, incapace. Capace solo di spostare i problemi, e, intanto il debito pubblico aumenta. Il PDL fin dall’inizio ha parlato di eliminazione dell’IMU altrimenti niente governo di larghe intese. Ora, letta, ricatta il paese prendendo l’IMU come scusa. Non si vergognano di tradire un partner politico e tutti gli italiani. Purtroppo grazie al pubblico e alle toghe rosse questi incompetenti vengono sempre votati. Chissà, forse noi tutti un giorni ci stuferemo di questa gentaglia ed andremo in piazza con una “primavera italiana” per cacciarli a calci.

  5. Secondo mè non credo che il processo subito abbia intaccato Berlusconi anzi!…………………..viene alla ribalta ancor di più che la nostra giustizia non è tanto così indipendente come dicono,perchè a mio modo di vedere le cose lo stesso reato commesso da lui,sono stati pizzicati anche altri politici di vari partiti ma nessuno ha avuto le prime pagine come il suo.Partendo da questo fatto,mi spiegate come il cittadino possa dar fiducia a questa giustizia…………………….ritornando al contesto dell’articolo riguardante la durata del governo,penso sia già troppo che esista!.Passiamo all’imu che pare il nodo cruciale e senza di quello caschi il paese……………………………..e intanto il nostro debito pubblico sale e sale.Insomma! noi cittadini non abbiamo di che vivere e ci riempiono di tasse aggiunte alle altre,beh signori miei,penso sia ora di finirla con stipendi d’oro e pensioni doppie o triple………………..quindi senatori e deputati cercate di cambiar registro altrimenti?……………………

  6. @ Rispettosamente a Gina, in qualsiasi direzione che si guarda, non c’è ne destra ne sinistra che tenga, è tutta una voragine, ci raccontano palle su palle, cercano che continui così più che si può poi faranno il figliol prodigo.

  7. A proposito di IMU, perché nessuno parla delle uniche case considerate seconde, per residenza e dimora diverse? Pe forza maggiore, tanti, per lavoro, o altro, abitano in altro Comune . Per casa economica, di 70mq., la vecchia ICI di 500 euro, gia’ questa ingiusta, e’ diventata IMU di 1400euro! Quasi tutti i Comuni hanno applicato, per queste uniche case, aliquota massima 10,6°/°°, e per coefficiente moltiplicatoe 160, applicata alla rendita catastale, l’ IMU e’ schizzata in alto in maniera esosa, vessatoria! 1400 euro sono molto piu’ della mia pensione! Se si affittano, o si svendono, addio casa! Coloro che hanno le mani in pasta, per decidere sull’IMU , conoscono questa discriminazione?

Rispondi a Gina Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *