Tagliamo le Regioni?

La vera morale dello scandalo alla Regione Lazio è che tutti ci siamo di colpo accorti che anche le Regioni, come e più delle Province, sono baracconi di distribuzione di soldi pubblici. Sprecati. Volete un’immagine? L’acquisto da parte del personaggio al centro dello scandalo, Francesco Fiorito, Pdl Lazio, di una Smart super accessoriata in cui il poveretto (si fa per dire) non è poi riuscito ad entrare. Troppo piccola per la sua stazza.

Secondo voi se i soldi, invece che pubblici, fossero stati suoi non l’avrebbe provata prima quella Smart?

Tutto questo per dire: non dovremmo tagliare anche le Regioni?

Visti anche gli altri scandali, la Lombardia, la Puglia, la Toscana, e relative inchieste?

Manda la tua opinione cliccando qui

Ne parliamo alla video chat in diretta online giovedì!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

23 risposte a “Tagliamo le Regioni?

  1. Il declino dell’Italia è iniziato con l’istituzione delle Regioni. Sperpero di denaro pubblico da parte di carrozzoni che servono solo a pochi per perpetuare la specie (politicus maleficus).
    Aboliamo Regioni e Provincie.

  2. tutti ladri tutti ladri la gente muore di fame,chiude le proprie aziende,licenzia gli operai che nn è in grado più di mantenere, i ragazzi rimangono in casa con i genitori e li chiamano mammoni. giusto abboliamo le regioni e le provincie,abboliamo i vostri vizi e i vosti sperperi.

  3. Il punto è che l’Italia deve fare una scelta: continuare a mantenere in vita costosissimi enti pubblici totalmente inutili e improduttivi, in molti casi addirittura ladri, a scapito di chi lavora seriamente e produce, o dare invece fiducia e risorse a questi ultimi per far ripartire l’economia. Prima dell’istituzione delle regioni mi sembra di ricordare che la gente vivesse bene comunque, anzi meglio di oggi: la soppressione delle regioni consentirebbe risparmi tali da poter eliminare ad esempio il bollo auto, l’imu almeno sulla prima casa, ovviamente le addizionali regionali, parte delle accise sui carburanti, garantendo nel contempo allo stato un sensibile miglioramento dei conti pubblici: l’economia ripartirebbe di slancio, penso all’edilizia, al settore auto attualmente allo sbando e a tutte le attività collegate e non. Certo, si porrebbe il problema della ricollocazione dell’esercito di dipendenti pubblici regionali, ma sarebbero finalmente costretti a cercarsi un lavoro serio e produttivo come tutti gli altri, senza contare che in un paese dove venisse rilanciata l’economia non sarebbe poi così difficile…

  4. Qui non è il problema dell’abolizione di Regioni, Province, Comuni, Consigli di quartiere, ecc… Se non cambia la mentalità non vedo alcuna speranza.
    Secondo voi è normale che la classe politica sia autoreferenziale e controlli “da se stessa” i bilanci dei partiti (tutti), mentre ai cittadino comune si fanno continuamente le pulci?

  5. Visto che stanno pensando di accorpare le province facendo di fatto delle mini regioni si potrebbe veramente pensare di abolire le regioni e creare un entità nuova e più attenta alla localizzazione dei problemi che spesso regioni troppo grandi non sono in grado di gestire. Si pensi solo alla Romagna che abolendo le province di Rimini, Ravenna e Forlì-Cesena potrebbe dar vita alla maxi-provincia ovvero alla mini-regione denominata appunto Romagna. Potremo avere che so 60/70 mini regioni ma abolire 20 maxi regioni ed oltre 100 province. troppo complicato per l’Italia vero?

  6. infatti invece di toccare le Provincie, riduciamo le Regioni e rafforziamo le Provincie accorpando anche consorzi e comunità montane ecc.

  7. Vogliamo parlare di Bassolino e di quello che ha fatto in Campania in più di dieci anni? Dalla gestione rifiuti ai finanziamenti ad enti e associazioni fittizie (vedi puntata di Report) e alle nomine o incarichi di familiari in società partecipate. Chi controllava? E cosa? E’ indagato, e con i tempi della giustizia italiana la farà sicuramente franca. Siamo noi che sbagliamo a dare fiducia a queste “persone” incompetenti e truffaldine. Per far finire queste ruberie, bisogna mandarli tutti a casa o in galera, nessuno è più credibile dal pesce più piccolo al più grande, e c’è un solo modo: “NON ANDARE PIU’ A VOTARE”. La gente è stanca e schifata basta guardare i dati del TG La7 del lunedì ore 20,00, le persone che non andranno a votare sono quasi il 50 % dei votanti, AUMENTIAMO QUESTO NUMERO E COSI’ RISOLVIAMO IL PROBLEMA.

  8. Tagliare tutta la politica non solo le Regioni. Bisticciano sulla legge elettorale ma se non andasse nessuno a votare? Sarebbe troppo bello ma tirare troppo la corda alla fine si spezza potrebbero finire tutti male.

  9. è da tempo che sostengo chè la salveza ditalia è togliere le regioni tutte,naturalmente ci sarà da combattere con i fissati dellidentità regionale autentica bufala,non è stata fatta litalia delle regioni unite.

  10. Solo ora vi siete accorti che le regioni sono dei baracconi. il Trota&Co l’hanno pescato da un pò…..
    Lazio, Lombardia….Fiori, Trote, Forminchioni sono tutti uguali…….

  11. L’unica via d’uscita da questi scandali sarebbero i forconi. In Italia stiamo ancora bene e quindi nessuno lo farà mai. Ci saranno i soliti fiumi di inchiostro, trasmissioni a go go ma nella sostanza tutto rimarrà come prima. Ricordiamoci che in Parlamento ci sono persone rimaste coinvolte in tangentopoli e colpevoli di sprechi inauditi.

  12. Buonasera.
    Caro Banfi,dopo tutto quello che è successo vorrei capire perchè il popolo non dovrebbe essere
    arrabbiato e non dovrebbe augurare a questi politici,di scomparire dalla faccia della terra.
    Conosco bene la Sua idea a proposito della violenza,ma quando si raggiunge un limite massimo,
    la gente è veramente nauseata e augurare a questi vermi,la fine che ha fatto Gheddafi,non mi sembra una cosa tanto peggiore di quello che quotidianamente la politica,o meglio i politici
    ci fanno nei nostri confronti.
    Sono sempre più convinto che in questo paese non cambierà nulla,i parassiti della politica,la faranno sempre da padroni.
    Come ho già detto in precedenza,l’Italia è un popolo di sadomasochisti,più ci fanno del male,
    più li votiamo.
    Un caro saluto.

  13. Ma davvero pensate che il problema si possa risolvere abolendo o accorpando Province o Regioni? I soldi se li mangerebbero a Roma o nei vari comuni! La triste realtà è che dove c’è la politica c’è il marcio, a tutti i livelli…

  14. Con l’avvento delle regioni sono iniziate le prime differenze a livello nazionale ognuno si fa le modifiche a piacere e sono solo un doppione mangia soldi dello stato. Vanno eliminate come è necessario accorpare tutti i comuni piccoli e non le province

  15. Dobbiamo accorpare le regioni , mandare a casa la maggior parte del personale politico utile solo a se stesso ,ridurre all’osso il personale amministrativo pletorico ed inefficiente e restituire il denaro a chi lavora ,se non riduciamo i parassiti il paese e’finito ….500.000 persone o forse piu’ che in italia vivono di politica …. Mangiando ed ingrassando alle nostre spalle senza un controllo e ancora piu’grave senza alcuna sanzione (confisca totale di tutti i beni personali per corrotti ed amministratori disastrosi ad es…) secondo voi abbiamo qualche possibilita’di recupero???

  16. Negli anni ’50 non c’erano le regioni, anche se previste dalla Costituzione perché, giustamente, la DC temeva il formarsi di isole comuniste (Emilia, Toscana, ecc.) quando il pericolo rosso era veramente serio.
    Lo stato con i suoi organi periferici e le province hanno portato avanti la ricostruzione che ha portato al boom.
    Da quando sono state istituite le regioni le cose sono andate di male in peggio: si sono creati infiniti posti per politicanti di professione con tutte le conseguenze nefaste che vediamo oggi.
    Ritorniamo agli anni ’50 eliminando le regioni e mandiamo a zappare le migliaia e migliaia di parassiti che mangiano legalmente ed illegalmente sulle nostre spalle!

  17. Ma se non si e’ riuscito a togliere le Province ora arrivate freschi freschi e togliamo le Regioni, ma in che paese vivete, boooo…….

  18. buongiorno,non si tratta di regioni,province o parlamento…questo ennesimo scandalo ci fa capire quanto denaro ha a disposizione la politica,più di qualsiasi necessità..infatti sia lusi che fiorito(sorrido al pensiero che siano solo loro i responsabili….),spendevano a spandevano senza vergogna tra cene faraoniche,vacanze paradisiache e case da sogno….senza che nessuno si accorgesse di nulla!!!..meno denaro alla politica e forse tanti di loro cercherebbero altri lidi da mungere senza ritegno…speranza vana,purtroppo.

  19. Da quando è stato istituito il titolo quinto della costituizione che dà autonomia alle regioni la spesa pubblica è raddoppiata!!
    Via tutte le Provice e tutte le Regioni, dimezzare tutte le assemblee politiche e gli stipendi relativi.
    Basta, siamo stufi!

  20. tutti i politici con mansioni pubbliche vanno trattati come un pc infettato da virus,vanno formattati completamente perchè un cambio di uomini in un sistema infettato non produce nessun effetto positivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *