L’Euro non salta, scampato il pericolo Grecia E adesso?

Dunque la Grecia resta in Europa, l’Euro non salta e tutti abbiamo tirato, comunque, un sospiro di sollievo. Il pericolo è scampato.
I problemi però non sono finiti. Anzi.
Che cosa dobbiamo aspettarci, adesso, dall’Europa?
Il 28 giugno c’è un importante appuntamento. Che cosa i cittadini europei devono chiedere ai loro governanti? Perché l’Euro non sia più la moneta straniera che ci viene imposta, quali misure vanno prese?

TU COSA NE PENSI? MANDA IL TUO COMMENTO CLICCANDO QUI
Ne parliamo giovedì prossimo nella nostra consueta videochat: discuteremo la questione con i vostri commenti e proposte alla mano!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

10 risposte a “L’Euro non salta, scampato il pericolo Grecia E adesso?

  1. si i greci si sono fatti inngannare di nuovo, come un europa che li stava strangolando con stipendi diminuiti abbassamento delle pensioni ,tasse applicate al disopra delle loro possibilità cosa fanno i greci , votano a favore dell’euro di nuovo? secondo me vi e qualcosa che non torna, vabbè adesso anno dato un po di linfa al malto di cancro terminale tra qualche mese siamo punto e capo e sara peggio perche i finanziamenti concessi sono gravati da interessi che si andranno ad aggiungere ai precedenti, quindi e un debito che si autorigenera in sintesi il debito pubblico e inestinguibile come quello di tutte le nazioni .Anche l’italia se uscisse dall’euro ne avrebbe tutto da guadagnare, sarebbe solo un problema della Germania, ma i media ed il sistema terrorizzano i cittadini sostenendo, che un eventuale uscita dall’euro peggiorerebbero le cose, cosa certa che questo non corrisponde a verità. ma grazie ai nostri pupazzi telecomandati dei nostri politici asserviti ai poteri forti come i bilderbeg ,trilateral, monti ne un componente attivo ed insieme stanno destabilizando e debilitando l’europa intera con le loro politiche scellerate di austerità , solo per rastrellare denari per salvare le banche gia fallite e fallende, istituendo un fondo salva stati , che salva stati non lo è per niente, perche gestito da gente non eletta da nessuno con una gestione tutt’altro che trasparente. pero tengo a precisare che non tutti i popoli sono stupidi , e molti anno capito dove vogliono arrivare, vogliono arrivare a schiavizzare il mondo intero economicamente ed a estirpare tutti i diritti delle persone sottomettendoli ai voleri di un pugno di uomini che comanda il mondo intero, e voi giornalisti , assertivi alla casta continuate a dire fandonie sui giornali ed in tv stando al soldo, libro paga di questi criminali

  2. Non occorre essere la Figlia di Priamo per pronosticare come sicura al 100% l’uscita definitiva dall’euro da parte della Grecia, non è accaduto oggi, l’inghippo verrà svelato tra qualche giorno. Da mesi si stanno stampando le nuove Dracme, anche i muri ne erano al corrente. La Grecia saprà affrontare anche questo enorme disastro (il 70% di svalutazione tra Euro e nuova Dracma) e tutte le immense problematiche legate ai contratti privati e statali. Gli unici a lavorare con solerzia ed allegria saranno gli avvocati europei. r|t 17jun12

  3. siamo nell’euro, ma non possiamo continuare a pagare per il benessere del nord europa-
    o la politica economica è uguale per tutti i paesi o niente euro(vedasi dollaro per gli usa- anche la california era in default a gennaio- febbraio 2012, ma nessuno, ne ha parlato).
    i poveri dei paesi poveri non ci stanno più a pagare il debito di banche e assicurazioni e l’incapacità della classe politica di realizzare l’unione economica anzichè salvaguardare gli interessi nazionali e i voti locali ad essi legati per essere rieletti nel proprio paese d’origine.

  4. Fare una banca europea che stampi moneta per gli stati membri senza chiederne interessi
    In alternativa emettere buoni del tesoro al portatore scad 10anni senza interessi e rimborso ad estrazione ogni anni 10 per cento

    Per lo sviluppo a parità di contribuzione fiscale di questo anno il fatturato in più il
    Prossimo anno non sarà tassato

    Questa sono misure che stimola il mercato non misure complicate a cui non tutti sono in grado di accedere, lavorare tutti e di piu’

  5. secondo me l’euro non andrà mai finchè non verrà unificata la politica,ed intendo un solo premier per l’intera Europa(meglio se straniero).Poi occore unificare il fisco e portare allo stesso livello gli stpendi,solo allora potremo parlare di euro.Se ogni paese andrà per la sua strada, cercando solo di imitare chi sta meglio avremo solo l’illusione di aver superato i problemi,che sistematicamente si ripresenteranno con maggiore prepotenza.Abbiamo già visto i politici italiani che parlavano di crisi superata,hanno dichiarato più volte che il peggio è alle spalle,ma ormai è chiaro che il peggio deve ancora arrivare,e lo dicono le statistiche dei disoccupati e dell’impoverimento generale e del debito crescente.Se non si vuole intraprendere questa strada(intendo dell’unificazione),meglio tornare alla lira,e sicuramente ci sarà almeno la fiducia del popolo italiano per sperare nella ripresa,quest’euro non è benvoluto,ci è stato imposto e non ci piace!

  6. che si decidessero a fare l’Europa sul serio, come dovevano fare quando hanno fatto l’euro. L’ Europa, se vuole avere un senso, deve essere come gli USA, altrimenti è meglio tornare indietro ed abolire l’ euro, che non può sopravvivere come moneta senza un unico stato di riferimento.
    Se poi sia l’ Europa che l’Italia capissero che non se ne può più degli sprechi e dell’eccesso di dipendenti pubblici che dobbiamo mantenere perchè facciano i lecchini ai politici e se ne freghino dei cittadini che dovrebbero servire. Invece in qualunque ufficio pubblico il cittadino è il “suddito” che deve pregare, implorare che gli facciano il favore di fare per un minuto il loro dovere.
    A quando il cartellino da timbrare per gli insegnanti che siano finalmente tenuti a stare a scuola 36 ore a settimana tutto l’anno ?

  7. L’unica soluzione è rafforzare l’Unione tramite (finalmente) la cessione di alcuni aspetti della sovranità nazionale.
    Ci vuole un fisco comune, una banca centrale (BCE) che faccia veramente la banca centrale ovvero se necessario stampi i soldi (questo è il principale motivo per cui siamo nella buriana dei mercati, coi nostri indici ai minimi storici, da ormai 2 anni) e dei Bond unici per tutta Europa con ogni Paese che risponde degli interessi pro-quota in base al debito pubblico precedente al lancio degli stessi.
    Nel nostro piccolo il primo passo è levare di torno, con mezzi democratici quale l’astensione totale dal voto (si le politiche non hanno il quorum ma voglio vedere i politic Italiani presentarsi da Obama o Hollande “forti” del voto di un terzo scarso della popolazione…sarebbero dei fantocci), questi 960 delinquenti (il 30% è pregiudicato!!!) intrallazzatori incapaci che hanno preso possesso delle Camere.

  8. A parer mio il pericolo è proprio adesso…magari la grecia fosse uscita dall’euro e a ruota tutti gli altri stati?? ma ciò non è avvenuto….Sinceramente avrei preferito uscire dall’euro con tutto ciò che avrebbe comportato inizialmente e cioè default, debito pubblico raddoppiato o quadruplicato ecc..insomma catastrofe iniziale…ma rimboccarmi le maniche e rinascere…creare un nuovo paese con le nostre regole, la nostra moneta…fuori dalle mani dei pochi super ricchi potenti del mondo che hanno in pugno sia l’america che l’europa e vogliono che il pianeta terra viri secondo le loro esigenze…!!!
    Ma visto che ciò non accadrà mai…forse l’unica soluzione è creare davvero gli Stati Uniti d’Europa come gli Stati Uniti d’America…lavoro lungo ma fattibile…Il problema è che nessuno vuole realmente mettere in pratica questa soluzione…per cui l’Europa e l’Euro sono cmq spacciate e quindi anche noi popolino medio basso….Arriverà la catastrofe quando anche la Germania comincerà a risentire pesantemente delle scelte che fa….e allora saremo alla frutta con probabile scoppio di varie guerre vere con missili…il caos e poi finalmente una nuova strada da percorrere per i supestiti…ma anche questa previsione ha un processo lungo…nel frattempo saremo ridotti alla fame ma quella vera….e sinceramente preferirei morire subito combattendo che lentamente di fame…

  9. Continua l’agonia dei paesi dell’eurozona. Strozzati da un debito voluto dalle banche che continuerà sempre ad aumentare,schiavi per sempre di Bruxelles, a nulla varranno i sacrifici immani chiesti al popolo. Non esiste più la sovranità nazionale…questo non è assolutamente un buon segno. I potenti sono riusciti a spaventare i greci tanto da farli scegliere di nuovo l’euro,si è persa una possibilità di tornare,seppur con qualche difficoltà,liberi.
    Terrorizzano la gente dicendo che se si esce dall’euro succederanno cose tremende,in realtà la fine dell’euro terrorizzerebbe soprattutto le grandi potenze economiche e finanziarie che guadagnano sulla crisi e che non avrebbero più il controllo su tutto quel che succede,cosa che invece vogliono arrivare a fare a livello non solo europeo, ma mondiale. Destabilizzare,impoverire,ricattare gli stati per tenerli sotto controllo. Non è forse quello che sta succedendo anche a casa nostra per mano di Monti (sappiamo tutti da quali ambienti proviene,no?)
    Spero solo che la gente capisca tutto questo prima che sia troppo tardi,i popoli possono riprendersi la loro libertà,a patto che si uniscano contro le imposizioni di pochi, per il bene di tutti.

  10. era meglio il fallimento, non si paga più nessuno e si cerca di stare a galla.
    come ? confiscando tutto fino alla parentela del 10 grado a tutti i dipendenti pubblici con portafoglio, es ministri all’estro con immense fortune, per questi taglia sulla testa internazionale di almeno 2-3 milioni di euro per chi riporta solo la testa, oppure ritornano qui da soli e riportano tutto il maltolto ed il mal gestito + gli interessi, ripristino dei lavori forzati 16 ore al giorno per tutti i detenuti, farli lavorare nei lavori più pericolosi e più umili, non vogliono, non mangiano! cacciare il cattivo giornalismo spazzatura, notizie fasulle o di parte comporta l’allontanamento dal ordine. ecc ecc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *