Che sacrificio fai?

Stamattina Il Sole 24 Ore ha presentato un’interessante inchiesta sul cambiamento di abitudini degli italiani. Elaborando dei dati dell’Istat, sostiene che le famiglie italiane stanno risparmiando sui consumi, in special modo tagliando cinema e ristoranti, e facendo la spesa nei discount.

Allora, centrerei la prossima videochat di giovedì 26 aprile proprio su questi temi.
Visto che in altri tempi sarebbe stato un inizio settimana anomalo, perché segnato da un possibile ponte (mercoledì 25 aprile è festa nazionale), chiedo a voi:

Che cosa state facendo nella vostra vita di tutti i giorni?

A che cosa state rinunciando?

Insomma diteci: QUALI SONO I VOSTRI SACRIFICI DI QUESTO PERIODO?

Appuntamento a giovedì 26 aprile.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

35 risposte a “Che sacrificio fai?

  1. Il mio sacrificio è nell’aspettare impotente la chiamata per la visita dall’inps in considerazione della mia richiesta di problemi fisici che impediscono di cercare un lavoro !, intanto viviamo con lo stipendio di mia moglie di 900 euro!.MA il conto in banca si assottiglia sempre di più con tutte le tasse che i signori polici si sono inventate!. Tra un pò non avrò più soldi per pagare le tasse grazie alla efficiente burocrazia che abbiamo!. grazie direttore per lo spazio.

  2. Non usciamo piu per cena al ristorante, ne pizzal ven sera, faccio la spesa seguendo un rigido budget settimanale, fuori del quale mi impongo di non andare. Cerco di consumare TUTTO quello che ho nel frigo evitando accuratamente di non sprecare nulla. Anche il pane duro…ottimo per cena fatto a bruschetta….Naturalmente la spesa è al discount o in qualche supermercato che vende prodotti di marca ma solo a 2 al prezzo di uno. La lavatrice viene accesa nelle fasce di maggior risparmio. I vestiti, quando servono si comprano ai saldi e supersaldi…che altro dobbiamo fare? Il parrucchiere? C’è una ottima scuola vicino casa mia..spendo 25 Euro (una volta ogni mese e mezzo) al posto di 60….mica male e per la messa in piega mi sono attrezzata….spazzola phon e tanta buona volontà…..FACCIAMO TUTTI COSI?????

  3. Io ho venduto la macchina….non ce la facevo piu’ con i costi per mantenerla,adesso uso i mezzi pubblici e mi trovo bene,con qualche soldino in piu’ a fine mese….

  4. Nella mia vita di tutti i giorni come da anni ormai, causa anche il pagamento di un mutuo per la casa e altri debiti, rinuncio praticamente alla vita sociale, pur essendo single non esco mai neppure la sera per un aperitivo, non faccio ferie, evito di andare per negozi per non essere tentata in acquisti che possono compromettere il mio badget mensile, evito l’uso dell’auto, tengo duro solo in alcuni piccoli vizi tipo il caffè al mattino al bar sotto l’ufficio con la tessera fedeltà che mi consente di avere un caffè gratis ogni dieci, utilizzo la macchinetta distributore dell’ufficio una volta solo al giorno e mi porto da casa frutta, acqua, merendine varie magari prodotte in casa.
    Praticamente la mia vita è svolta tra ufficio e casa.

  5. I MIEI SACRIFICI SONO, LA RINUNCIA ALLA MACCHINA, FERMA IN GIARDINO DA 5 MESI, ALLE RATEIZZAZIONI, DELLE BOLLETTE DI GAS, ENEL, ACQUA, IMMONDIZIA, CANONE TV, LA MACCHINA OLTRE CHE FERMA X IL CARO CARBURANTI ANCHE PER IMPOSSIBILITA’ DI PAGARE REVISIONE E ASSICURAZIONE, RINUNCIO ANCHE AD UNA PIZZA, GIA’ DIVENTATA METEORA DA DIVERSI ANNI, RINUNCIO AL VESTIARIO DISCRETO, ACQUISTO SOLO ROBACCIA DA MERCATO O CINESE, E….DITEMI VOI A COS’ALTRO DEVO RINUNCIARE? E’ PER LA SPESA SOLO DISCAUNT NEL TENTATIVO DI RISPARMIARE IPOTETICAMENTE QUALCOSA. COS’ ALTRO DIRE? ….EVVIVA IL NOSTRO GOVERNO.

  6. la girnata si lavora come sempre se prina in pausa pranzo andavi al ristorante ora ti porti il panino da casa
    si rinuncia un po ha tutto le cose in eccesso come andare ha bere l aperitivo
    tutto grazie ha chi ci governa

  7. Il mio sacrificio per ora e’ quello di andarmene a vivere in una roulotte, per vendere il mio appartamento molto bello e confortevole perche’ sono senza lavoro quindi non riesco a pagare il mutuo, il prossimo faccio uno sproposito così in carcere non avro’ piu’ problemi di casa cibo lavoro….

  8. sono mamma,moglie e lavoratrice,il mio stipendio è bloccato dal 1 gennaio 2010.ho troppe tasse da pagare .ormai io e la mia famiglia di rinunce ne facciamo tante. troppe!!! niente ristorante,niente pizza,niente vestito nuovo,niente parrucchiere ninte cinema .se proprio necessario scarpe o un giaccone x l’inverno.lavatrice solo la sera.macchina solo se necessario.niente vacanze .spesa strttamente necessaria… ditemi voi ma questa che razza di vita è? e poi vedi tutto quello che combinano i nostri governanti….non venitami a chiedere il voto perche io non votero piu nessuno….non meritate nulla…vergogna a tutti avete affamato il popolo italiano,,via tutti!!!!!

  9. Praticamente ad una vita decorosa:
    -niente cinema, ristorante, svaghi, vacanze, ed piu’ ancora niente ass.ne privata sulle malattie!
    In sintesi una vita da recluso, nella propria casa.
    Sono pensionato, chiaro ho avuto soddisfazioni dalla vita con il mio lavoro (ho lavorato 40 anni…), ma ora le tasse mi stanno togliendo quel poco di svago che speravo avere con l’anzianita’.Ed il futuro è molto buio……

  10. durante la settimana si lavora sempre (sabato compreso). La pizza fuori una volta al mese, niente ristorante solo pizzeria. Per i vestiti 2/3 volte all’anno, se possibile negli outlet se no nei negozi normali. Noi, purtroppo, abitando in periferia siamo costretti a tenere 2 macchine, anche perchè la nostra zona non è servita bene dai mezzi pubblici, in primavera ed estate però io cerco di usare quasi sempre la bicicletta per risparmiare benzina e assicurazione. Noi siamo sposati da due anni, l’anno scorso siamo (a fatica) riusciti a fare 1 settimana di ferie (oltretutto a settembre). Quest’anno sono già state eliminate dai nostri pensieri. Stamo progettando dei piccoli lavori di sistemazione della casa, che però eseguirà mio marito con amici nei week-end per risparmiare sulla manodopera. Non sto qui a fare l’elenco delle spese mensili, tanto lo sappiamo tutti cosa c’è da pagare.
    Bene, ora, caro governo, la dignità ce la lasci o vuoi anche quella??? Mi raccomando, se la vuoi, a rate ovviamente!!!!

  11. ferie :dimenticate ….Ristoranti : non sappiamo più cosa sono …Pizzeria : scordate
    Abbigliamento :lo stretto necessario rigorosamente “made in CINA!”
    “compliMOnti”!! bel modo di risollevare una nazione !
    sarà una bella soddisfazione essere a capo di un popolo di “mal ridotti” !!

  12. Io ho una proposta.
    Alle prossime elezioni andiamo alle urne, ma scriviamo in grande sulla scheda “CASTA, INIZIATE A PAGARE ANCHE VOI!!!” annullando così la scheda e lanciando un messaggio forte ai politi-canti.
    Saluti
    P.S.
    In risposta alla domanda: copio e incollo quello che hanno scritto tutti gli altri (escluso il tizio che ha appena comprato l’ipad!)
    Saluti

  13. Che sacrifici facciamo… da dove parto? io e mio marito abbiamo un figlio di 14 mesi, asilo da pagare, benzina perchè abitiamo molto fuori dal centro (la casa costava moooolto meno ma ora ci mangiamo le mani!) mutuo, bollette, ci è arrivata una tassa per aiutare il comune dopo l’alluvione € 114…, vado al prontosoccorso con il mio bimbo € 23, 5 anni senza ferie, fine settimana a casa, garantiamo tutto quello che serve al piccolo ma per noi mai nulla! A gennaio ci siamo dovuti fare un prestito per pagare le bollete… e ora abbiamo l’incubo dell’imu… ci stanno distruggendo. e i nostri cari politici portano via dal parlamento anche la spesa???? (come mostrato dal servizio delle Iene). Deve succedere qualcosa… e questo governo tecnico? ha solo tassato noi e sono tutti bravi a parlare ma poi non fanno nulla! io pretendo una rivoluzione! ma siamoo le solite pecore e mi metto in prima fila anch’io! ho paura per il futuro del mio bambino… tanta paura…

  14. non sto a fare l’elenco ma sono ridotta alla carita’ stipendio con due cessioni del v° rimangono 750 euro al mese di cui devo pagare:3ooE di affitto,90 E.di condominio ogni 2 mesi,luce,acqua,gas,riscaldamenti e mantenere una vita dignitosa.oremetto che le cessioni l’ho fatte per pagare i debiti che avevo accumulato ed e’ vergognoso come IO italiana con un misero stipendio e 35 anni di lavoro sono ridotta sotto il limite grazie a tutto quello che ci circonda

  15. io non sono mai uscito dalla crisi ecco che mi ritrovo in linea basta essere sobri e non pensare molto al futile quando all’utile e alla utilita’ delle cose da fare e agli oggeti da comprare ecco che tutto diventa possibile non bisogna esagerare e non guardare ai politici e alla politica tanto erano e sono ladroni facciamoci un nostro sistema di vita fissato sulla sobrieta’ e dignita’ umana vedrete si puo’ vivere non guardate troppa televisione, fatela voi vivendo insieme ad amici che amano la sobrieta’
    non sentitevi nulli se dovete chiedere anche lavori umili lavorate risparmiate e vivete con grande armonia la coppia uno supplisce l’altro pensate a non investire niente ma a risparmiare poco riscoprire i valori dello stare insieme anche per chi crede quelli della fede vivete nella grande dignita’ umana non rubate anche voi andremo avanti nella vita con serenita’

  16. Non fare vacnze, non andre a mangiare 1 pizza al massimo se ne ho voglia me la faccio io, si si me la faccio, farsela portare a casa costa!!! riuscire a mettere insieme pranzo e cena cercando di spendere il meno possibile, sono in cassa integrazione porto a casa circa 700 euro e ho un mutuo da pagare!! sacrifici no no per ninete!! figuriamoci!!!

  17. io,ho cambiato le mie abitudini,non si esce piu il sabato sera come un tempo anche perche se esco come minimo ti vanno via 50 euro come ridere,per la spesa discount e spesso guardi che facciamo sconti,e poi avendo la disoccupazione di 900 anziche con uno stipendio normale non si va piu di tanto in giro,e poi con tutte le tasse e gia tanto che si riesce a mettere via qualcosa!

  18. so che non centa nulla con la domanda che ha possto lei sul fatto delle nostre abitudini,ma penso che tutti vogliano fare la stessa domanda: perche solo noi dobbiamo fare i sascrfici maggiori invece i politici non li possono fare? anzi loro restano sempre con i stessi soldi? perche come dicono che la legge e uguale per tutti allora perche per loro non e uguale? grazie e scusatemi ma e uno sfogo,anche perche non se ne puo piu!

  19. Anche io concordo con gli altri : niente ristoranti, niente cinema, niente parrucchiere, pizza fatta in casa, abbigliamento solo per i figli perchè crescono , sabato e domenica a casa , domani invece della gita fuori porta faremo l’orto per risparmiare sulla verdura , per pranzo mi porto in ufficio gli avanzi della cena e scendo al bar solo per il caffè, ecc. ; penso che la px spesa sarà una confezione di antidepressivi.

  20. il mio non è un sacrificio…anzikè rinunciare,mi sono svegliato e mi sto unendo insieme a ki ha voglia di cambiare le cose…non mi lascio morire a forza di rinunce.

  21. Nella mia vita di tutti i giorni come da anni ormai, causa anche il pagamento di un mutuo per la casa e altri debiti, rinuncio praticamente alla vita sociale, pur essendo single non esco mai neppure la sera per un aperitivo, non faccio ferie, evito di andare per negozi per non essere tentata in acquisti che possono compromettere il mio badget mensile, evito l’uso dell’auto, telefonate razionalizzate, anzi azzerate, spesa generi alimentari ecc. obbligatoriamente ai discount, prego sempre di stare bene, poiché non saprei come affrontare una eventuale spesa sanitaria. Ogni 15 del mese faccio i conti e razionalizzo i centesimi per arrivare a fine mese.

  22. Il mio sacrificio è quello di non poter regalare una vita decorosa alla mia compagna, non andare al cinema, ristorante pizzeria o qualsiasi svago possa esserci nella vita. Soffocato dalle tasse, dal caro della benzina che mi mangia giorno per giorno, ho la macchina che non va più ma non posso cambiarla perche sono precario ed alle finanziarie faccio ribrezzo, intanto rischio il posto di lavoro distante 50 KM. Vita sociale zero. E come se non bastasse aspetto la disoccupazione a requisiti ridotti ma l’INPS se la prende con comoda mentre io devo combattere con avvocati per le bollette arretrate e senza soldi nemmeno per la spesa. tanto gli impiegati INPS lo stipendiuccio e posto fisso ce l’hanno. Caro Sig. Monti io i sacrifici li voglio fare ma gli Italiani prima o poi e spero prima si faranno sentire e nn credo con le buone maniere…

  23. Sto rinunciando al sonno per capire come pagare queste tasse impossibili. Tasse e solo tasse ma di tagli allo spreco neanche l’ombra. Se fossimo partiti dai tagli non ci sarebbe stato l’aumento delle tasse. La fregatura è che continuano a pensare di aumentarle. Ma i tagli allo spreco, che è sotto gli occhi di tutti, neanche a pensarci.

  24. Ma sono anche i partiti che fanno perdere sonno ai cittadini. Al posto di tagliare la spesa improduttiva vogliono fare altre spese. E i cittadini pagano le tasse.

    19:18 – La maggioranza tenta di “forzare la mano” al governo sugli investimenti per favorire la crescita, nonostante il nuovo richiamo del premier Monti alle ragioni del rigore. Domani infatti Pdl, Pd e Terzo Polo presenteranno all’esecutivo una bozza di risoluzione con cui approvare il Def alla Camera e al Senato, in cui si chiederà di allentare i cordoni della borsa di 8-9 miliardi.

  25. Ho rinunciato a tutto. Vivo di “scoperto bancario” eppure ho uno stipendio mensile che corrisponderebbe ai vecchi 3 milioni di lire (uno sproposito nel 1999). Ho due figlie: se compro una maglietta – al mercatino – a loro non vado dal parrucchere io. Porto gli occhiali e li dovrei rifare perche’ la mia vista e’ peggiorata…………….sono sei mesi che me lo dico………….ma ancora non ho i soldi per farlo!!!! L’auto, con grane rabbia, la devo prendere per forza perche’ per arrivare al lavoro con i mezzi ci metterei mediamente 3 ore tra a andata e ritorno. Ho 50 anni la generazione dei nuovi poveri e la prima a stare di gran lunga peggio dei genitori…………..non abbiamo costruito nulla……………la nostra forza e i nostri sogni uccisi dalla casta.

  26. Che dire……rinuncia da anni alle ferie, niente ristoranti o pizzerie, a volte si mangia solo un piatto di pasta e via, niente giri x negozi per non essere tentati, rateizzazione bollette, mutuo e non basta neanche adesso con Imu e via dicendo non so…..qui non va proprio bene!!! La delusione e molta perche’ questi attenzione non bisogna chiamarli piu’ sacrifici ma sopravvivenza …….e la famosa equita’ dov’e’ finita……ah che stupida l’equita’ e solo per noi perche’ ci troveremo a mangiare tutti noi cittadini solo patate……bisogna solo vedere quando gli italiani decideranno di essere tutti uniti una volta x tutte……

  27. Non uso il termine “sacrificio” ma “totale disfatta”…..se non fosse per mia moglie che si è impegnata tutto l’oro per sostenere una famiglia composta da 4 persone (ed un unico stipendio), certamente non sarei arrivato ad oggi; la crisi ha fatto capolino a inizio anno e… tampona, tampona, ad oggi devo trovare qualcuno che si compra la mia macchina perchè non so come pagare la prima comunione a mio figlio; certamente non voglio che sia proprio lui (mio figlio) a risentirne e quant’è vero DIO, se è necessario andrò a lavorare anche di notte !!!!! Grazie Monti..

  28. Ormai la nostra vita è tutto un sacrificio, lo è sempre stata ma adesso siamo arrivati al capolinea,
    niente vacanze, quando tutti quei ladri autorizzati di politici se la spassano tutto l’anno con i nostri soldi, spesa al discount un volta a settimana senza esagerare (loro invece pensano bene di fare la spesa allo spaccio della camera dei deputati sempre con i nostri soldi!) niente cene al ristorante o pizzeria, niente vestiario nuovo si va avantiti con quello che abbiamo, scarpe solo ai bambini perchè non si può fare a meno , lavatrice solo di notte, auto solo quando è necessario è diventato impossibile mettere la benziana mentre quei bastardi pensano bene di utilizzare solo auto blu in modo che non pagano bollo, assicurazione, benzina, non sempre riusciamo a pagare tutte le bollete e adesso se non bastasse arriva anche l’IMU, mi farebbe tanto piacere sapere chi di loro paga questa tassa considerando che la maggior parte di loro non ha nemmeno una casa intestata!! Ci sarebbero altre mille cosa da dire ma la più importatnte è BASTA SERVE UNA RIVOLUZIONE!!!

  29. dodici anni fa ho iniziato a lavorare e sono uscita di casa. pagavo l’affitto di un appartamento ammobiliato da sola, guadagnavo meno, ma uscivo e mi compravo quel che serviva con serenità e alla fine mi rimaneva sempre anche qualcosa. adesso ho un marito e una bambina, un mutuo (per non continuare a buttare soldi in affitto) che si porta via quasi tutto lo stipendio di mio marito. per fare una casetta (o dovremmo vivere in una tenda?) in un pezzetto di terra che aveva la mia famiglia, abbiamo risparmiato su tutto, ma di cartone non si può fare. alla fine ci siamo ripuliti ogni risparmio, che se solo ci si rompe un’auto (ne dobbiamo avere due perchè lavoriamo lontano, e ogni mese fanno circa 400 euro di carburante) non sapremmo dove prenderli. alla piccola cerchiamo di non fare mancare niente, ma ci sono la tv con le pubblicità, i compagni di scuola che hanno certi vestiti e fanno certe vacanze … e direi sempre di no è doloroso è umiliante. lavoriamo lavoriamo, non possiamo goderci nulla, solo pregare di non avere “imprevisti” e guardare nostra figlia con molta preoccupazione. è giusto? vanno così le cose? secondo me LE FANNO ANDARE COSì! chi? coloro ai quali conviene. la casta.

  30. Abbiamo scelto la famiglia numerosa…potevamo permettercelo. Mio marito guadagnava 4000 euro al mese lavorando in Svizzera. Dopo 15 anni di matrimonio e cinque figli ci siamo ritrovati con il sedere per terra. Prima cassaintegrazione, poi licenziamento. Quando è successo aspettavo la quinta bambina. Pagavamo il mutuo della casa, non mancava mai niente. Non ci siamo persi d’animo però. Mio marito ha finito la scuola e si è qualificato oss. Ha trovato lavoro subito, in Italia però.Ecco il nostro stato che a un padre di famiglia che lavora anche di notte dà uno stipendio di 1100 euro al mese. Se non fosse per gli assegni familiari che ammontano a circa 500 euro non so dove finiremmo. Io lavoro part-time ma si fa fatica a fare tutto. Tagliamo su ogni cosa, tranne che sullo studio. Non vogliamo mollare, vogliamo insegnare ai nostri figli a farcela…a non lasciarsi vincere dalle situazioni. Ieri sono tornata dal funerale del papà della compagna di banco di mio figlio che frequenta il liceo. SI E’ SUICIDATO PER I DEBITI. E’ questo il messaggio che vogliamo dare ai nostri ragazzi? Mettiamoci nei loro panni; noi abbiamo avuto l’esempio dei nostri genitori che hanno superato mille difficoltà e dei nostri nonni che hanno combattuto una guerra!
    Sappiamo di vivere una situazione davvero difficile e mortificante. Non molliamo però!
    Facciamo valere i nostri diritti ma diamo fiducia anche a questa nuova generazione.
    una mamma arrabbiata.

  31. Rinuncio a tutto mangio pasta al meggogiorno e pane latte alla sera tutti i giorni a mio figlio cerco di non far mancare carne poca, frutta e verdura voglio lavorare ma quando ho un colloquio troppo vecchia o niente esperienza per quel lavoro sono stanca poi vedo i nostri politici che se la ridono mi viene una rabbia mi piacerebbe che provassero a vivere come viviamo noi ……….non ne sarebbero capaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *