Divorzio e figli contesi

Non perdetevi stasera la puntata di Matrix, che torna sul tema dei figli contesi e della proposta di legge sul divorzio breve e racconta alcune storie pazzesche di padri separati, che sono finiti nei guai solo perché ci tengono a non perdere il contatto con i propri figli. Oggi anche Repubblica in prima pagina parla della nuova legge.

Se volete, potete anche intervenire scrivendo all’indirizzo di posta elettronica: dilloamatrix@mediaset.it. In studio ci saranno Tiberio Timperi, il giudice Melita Cavallo, gli avvocati Annamaria Bernardini de Pace e Iacopo Tozzi, i medici Maria Malucelli e Vittorio Vezzetti e Diego Sabatinelli della Lega per il divorzio breve.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

19 risposte a “Divorzio e figli contesi

  1. tanti padri che soffrono e tanti altri che se ne fregano…ma questo non conta…tanto quelli che ci rimettono siamo sempre noi figli!!!!forse é il caso di rivedere diritti e soprattutto doveri perché fare il padre non è solo passare il minimo di alimenti e sfregarsene ditutto il resto tanto poi c’émaria de filippi.

  2. sono donna,madre di 2 figlie,divorziata da 20 anni,ho cresciuto le mie figlie senza chiedere nulla al mio ex da cui ho subito 20 anni di violenza fisica e psicologica,di cui le bimbe erano purtroppo consapevoli !!!!! e’ stata una liberazione x tutte,ma quando lui chiedeva di vederle erano loro a rifiutarsi!!! ero io a spingerle a frequentarlo,xche’ comunque era loro padre e le violenze le avevo subite io non loro!!!

  3. sono il papà di alessandro che il 13 aprile compirà 3anni,dal 4 agosto 2010 è iniziato il mio calvarrio,silvia si e portato ale a lecce ed io ogni settimana vado da lui…mille angherie ho subito da parte di silvia e della sua famiglia silvia cerca in tutti i modi di ostacolarmi addirittura x il suo comportamento neanche la mediazione ha funzionato(bloccata x una sua condotta e la miriadi di denunce fattomi)ma io non mi arrendo perche amo alessandro e non riesco a vivere senza di lui e senza potergliinsegnare o leggere le mille storie che gli piacciono…ma mi chiedio quando e perche fino ad oggi silvia non è mai stata bacchettata dalle istituzioni perche una “mamma”anche se sbaglia ha tutto questo “potere”di rivonira una relazione cosi importante ed attuare una pas ad un bimbo cosi piccolo senza ache lei abbia delle conseguenze?noi padri invece chi siamo solo bancomat?o solo padri part time o solo bho?quello che le madri dicono di noi?io credo che la legge deve essere cambiata e giudicata x singoli casi..nn mi dilungo ma verrei volentieri in una trasmissione per spiegare il mio dolore e le mie proposte
    cordiali saluti fabio f. pescara

  4. Per la mia condizione di papà seperato da una madre malevole dico che ci sono donne che devono avere solo vergogna a cancellare la figura paterna dai figli per vendicarsi . non sapendo del danno che si fà alla vita di un figlio farlo crescere senza padre

  5. sono un nonno di anni56.mio figlio si è lasciata con la sua compagna,causa la suocera.siamo arrivati al punto di andare x via legale,xchè gli anno vietato di vedere il bambino,a quel punto sono intervenuti gli assistenti sociali(la signora CANFORA di zola predosa ,dove il nipotino risiede).noi abitiamo a casalecchio di reno.entrambi i comuni sotto BOLOGNA.anno imposto a mio figlio di vedere il bimbo dentro un centro commerciale dalle ore 18 alle 19 il mecoledi e il venerdi in presenza di una terza persona,la zia di lei,guarda caso è comandante dei vigili urbani di zola predosa.ci tengo a precisare che mio figlio (EMANUEl,non è ne violento,ne pedofilo,ne alcolizzato)mi chiedo l’assistente sociale in che merito ha preso questa decisione?chiedo se posso denunciare l’assistente sociale x abuso di potere?non sono sposati.questo dovra durare finchè non si andra’ davanti al giudice dei minori. grazie.

  6. salve a tutti
    sono giovanni

    e sono una persona separata con una ficlia di 3 anni che si chiama l. che non vedo da 2 anni!!!volevo sapere come mai alle mamme che non fanno vedere i figli al propio padre non gli succede niente?e perchè un padre senza lavoro e senza reddito deve dare 400 euro di mantenimento pur non vedento mia figlia??e giusto che la mia ex sta a casa dei mie genitori col suo attuale compagno minacciandomi di non cercare la mia l. pur non avendo ne un contratto d’affitto ne la casa e intestata a mè??la legge e a favore delle donne noi separati siamo delle vittime destinate a dormire in macchina o a chiedere elemosina o a dormire sotto i ponti!!!e una vergogna!!!!io sono disposto a venire in trasmissione con il signor tiberio.attendo vostre risp!!!!!

  7. Ho 42 anni e sono una mamma felicemente sposata da 26 anni, sono daccordissimo con il divorzio breve e con i figli condivi, non si può togliere un figlio ad un genitore, eccetto in casi di maltrattamenti, per droga o alcool. Quando ci si separa spesso si usano i figli per punire l’altro e questo la legge non lo deve permettere, La convivenza non è facile per nessuno siamo persone con i nostri preggi e difetti se ci fermassimo un attimo…. forse potremmo trovare un punto d’incontro e tutto potrebbe apparire più semplice, bisogna parlare di più con il partner e non chiudersi ai primi problemi concludo dicendo che i figli hanno bisogno della mamma e del papà sono due figure importante per crescere con sani principi.

  8. salve io da dove devo iniziare!!!!!!!!1 ho fatto tre figlie con un convivente che ha saputo togliermi assieme alla sua compagnia due figli lla trza nn ci ha riuscito solo xche avevo chiesto gli alimenti dei tre figli e ha fatto di tutto x nn darmi che ha messo i miei figli contro adesso loro nn mi vogliono vedere piu e nn mi chiamano mamma x dieci anni hanno vissuto con me gli assistenti sociali distruggono nn uniscono…. nn capiscono e se capiscono e troppo tardi …pensa che lui aspetta un altro figlio con quella donna … c’e un ingiustizia del tribunale che ha affidato una a me e gli altri due a lui nn si separano i fratellini…. spero che qualcuno legge la mia storiaa che sono una mamma disperata…

  9. . Oggi c’è indignazione. Oggi c’è vergogna. INDIGNAZIONE e VERGOGNA per avere assistito ieri, alla puntata di MATRIX, ad un vero e proprio ABUSO DI POTERE. L’informazione deviata, la chiamo io. Continuiamo a dare voce a Timperi. Mettiamolo seduto sul trono. Intervistiamo il papà che non può vedere sua figlia, poverino. E facciamoli sparare a zero su tribunali, magistratura e politica. Ma stiamo scherzando? Io provo orrore per ciò che ho sentito. Ho sentito una campana sola. Se davvero si volessero fotografare i casi di conflitto, bisogna dare spazio a madri e a padri. E consentitemi, i padri non sono rappresentati, tutti, da Timperi. Perchè se passa solo che “poveri papà” non stiamo rendendo un servizio informativo equo. E se a Timperi viene consentito di sparare a zero su tutti, giudici, assistenti sociali, ctu, definendoli incompetenti o, peggio, corrotti; se a Timperi viene consentito di lanciare un appello alla popolazione intera per firmare, tramite la mail di Matrix, la petizione a favore dei patti prematrimoniali o il divorzio breve, bè, allora, abbiamo davvero toccato il fondo. Lasciamo fare legislazione al legislatore e Timperi abbia la dignità di non abusare del suo ruolo e del suo spazio per dare informazioni magari fuorvianti, alle quali non ci è consentito diritto di replica, che possono giusto strappare l’applauso delle donnette che piangono davanti alla telenovela. Adesso, come minimo, mi aspetto di vedere seduta su quel trono, la Signora, ex moglie di Timperi. Oppure di essere invitata da Matrix a dire la mia, seduta vicino alla Presidente del Tribunale dei Minori.
    scritto da Isabella il 23 Febbraio 2012 alle 12:21

  10. Oggi c’è indignazione. Oggi c’è vergogna. INDIGNAZIONE e VERGOGNA per avere assistito ieri, alla puntata di MATRIX, ad un vero e proprio ABUSO DI POTERE. L’informazione deviata, la chiamo io. Continuiamo a dare voce a Timperi. Mettiamolo seduto sul trono. Intervistiamo il papà che non può vedere sua figlia, poverino. E facciamoli sparare a zero su tribunali, magistratura e politica. Ma stiamo scherzando? Io provo orrore per ciò che ho sentito. Ho sentito una campana sola. Se davvero si volessero fotografare i casi di conflitto, bisogna dare spazio a madri e a padri. E consentitemi, i padri non sono rappresentati, tutti, da Timperi. Perchè se passa solo che “poveri papà” non stiamo rendendo un servizio informativo equo. E se a Timperi viene consentito di sparare a zero su tutti, giudici, assistenti sociali, ctu, definendoli incompetenti o, peggio, corrotti; se a Timperi viene consentito di lanciare un appello alla popolazione intera per firmare, tramite la mail di Matrix, la petizione a favore dei patti prematrimoniali o il divorzio breve, bè, allora, abbiamo davvero toccato il fondo. Lasciamo fare legislazione al legislatore e Timperi abbia la dignità di non abusare del suo ruolo e del suo spazio per dare informazioni magari fuorvianti, alle quali non ci è consentito diritto di replica, che possono giusto strappare l’applauso delle donnette che piangono davanti alla telenovela. Adesso, come minimo, mi aspetto di vedere seduta su quel trono, la Signora, ex moglie di Timperi. Oppure di essere invitata da Matrix a dire la mia, seduta vicino alla Presidente del Tribunale dei Minori.

    • Cara signora, la questione non è che ci sono due parti in conflitto: i padri contro le madri. La questione è: i papà, come diceva il film Kramer contro Kramer trentanni fa, sono genitori di serie B? Il problema è molto serio e riconosciuto da più parti. Non c’entra Timperi come storia personale (non è stato neanche sfiorato l’argomento della gestione del figlio e dei rapporti con la sua ex moglie, che lei vorrebbero in “trono”) ma come simbolo di una vera battaglia civile. C’entra un sistema iniquo e tempi troppo lunghi della giustizia. Il legislatore, come dice lei, è fatto dai rappresentanti del popolo e chiede maggiore equità in questo campo. Dove non sono ben applicate leggi che già esistono. Quanto al suo auto invito, complimenti per la fiducia che ha in se stessa. Comunque le madri malevoli non devono illudersi, le cose stanno cambiando.

  11. Tutti ospiti autorevoli, e soprattutto con titolo a parlare.
    Ma Timperi che c’entra? Pensi a fare il conduttore che a fare l’Avvocato ci pensano le persone competenti.
    E difatti ne è uscito con le ossa a pezzi
    Roberta

  12. cara Redazione (che immagino essere uomo),
    sapesse quanti padri malevoli esistono…non si illuda…
    Un grazie al servizio di Matrix che ce lo ha finalmente fatto vedere.
    Dolce68

  13. nella trasmissione Matrix del 22 febbraio,l’avvocatessa diceva da una parte che era d’accordo sul divorzio breve e patti prematrimoniali,dall’altra(giusto x capire la propria vera natura di emancipata)verso la fine della trasmissione,dice che solo il 15% delle separazioni sono conflittuali,e per forza quanti hanno i soldi per affrontare una separazione conflittuale?Caro Tiberio hai perfettamente ragione,i giudici non provano neanche ad approfondire e capire i motivi della richiesta di separazione.sopratutto quando ci sono i figli

  14. Buongiorno. Trovo su Panorama in edicola oggi questa lettera scritta dalla ex moglie del Sig Timperi e domandiamoci se il vero intento del presentatore dunque non sia solo quello di acquistare visibilità.

    “Il diritto dei figli ad un papà

    Con riferimento all’articolo (pubblicato su Panorama 5) “Ogni figlio ha diritto a un papà” ritengo doveroso precisare quanto segue.
    Tiberio partecipa costantemente alla vita e alle scelte del figlio. Egli trascorre insieme con lui un tempo pressochè identico (14 giorni al mese) a quello disposto dal tribunale a favore della sottoscritta. E’ davvero difficile, perciò, comprendere come egli possa dolersi della legge sull’affido condiviso e, ancora di più, come egli pretenda di identificarsi con altri padri separati ai quali non è riconosciuta tale situazione di parità. Tiberio, inoltre, omette nell’articolo di accennare alle numerosissime denunce da lui presentate nei miei confronti, che soltanto nell’ultimo anno e mezzo, sono state ben quattro. Tutte ovviamente infondate e, dunque, archiviate.
    Orsola Gazzaniga”

  15. Signora Giulia,il problema dei padri separati purtroppo è di livello mondiale, non è nazionale, nè locale, anche se grazie a Dio, in molti paesi europei(Belgio,Francia,Svezia etc…), se una madre non fa vedere i propri figli al padre, viene condannata(non come in italia…)!!!!
    Per quanto riguarda, la sua citazione sui compiti, o meno del legislatore, ricordo, che nel 2006, è uscita una legge(le consiglio di leggerla attentamente) che riguarda l’affido condiviso, e che a distanza di più di 6 anni, questa legge, non è mai stata applicata veramente, tranne in qualche caso(si contano sulle dita di una mano), dove qualcuno (magistrati, ke lei difende), ha pensato bene di inventarsi letteralmente la figura “collocatario”!!! Ma, come abbiamo capito e come ci stanno facendo capire, l’Italia e i suoi cittadini, non c’entrano assolutamente nulla con L’europa, e quindi ha proprio ragione Lei…..!!!

  16. Insisto nel dire che timperi non e rappresentativo dei padri separati e dice un sacco di sciocchezze. Spero solo che la moglie lo smascheri presto in diretta tv e su tutti i giornali. G.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *