Fosse solo l’euro

Dunque si discute dell’euro. Silvio Berlusconi ne ha parlato in lungo e in largo, criticando l’esistenza della “strana moneta” senza “un governo unitario né una banca di riferimento” e poi chiarendo che comunque la moneta europea “è la nostra moneta, la nostra bandiera. E’ proprio per difendere l’euro dall’attacco speculativo che l’Italia sta facendo pesanti sacrifici”. Il ragionamento è stato molto criticato da Romano Prodi, che volle il nostro ingresso nella moneta unica. E tuttavia non è più un tabù riflettere sul “costo” dell’Europa per la nostra economia. Prendete le pensioni. Oggi pesano al 14 per cento sul nostro Pil (contro il 7 per cento degli altri Paesi europei) e questo costituisce un grosso problema. Se ci fosse stata ancora la lira, avremmo già svalutato. Senza toccare i diritti acquisiti dei pensionati, avremmo ridotto il loro potere d’acquisto, raddrizzando di fatto i conti.

Che cosa voglio dire con questo? Che l’euro, con i suoi chiari difetti di non avere un governo forte europeo centralizzato, quantomeno sulla politica economica e fiscale, ci sta mettendo a dura prova. Ci rende tutti più poveri, a breve e medio termine, ma ci stabilizza pensando al futuro. Su questo ha ragione mister B: i sacrifici li facciamo per restare in Europa.

Epperò se non ci fosse Bruxelles avremmo comunque a che fare con un tasso di crescita troppo basso. Negli ultimi dieci anni siamo scivolati al Paese numero165 (su 215), cfr Index mundi. Non cresciamo. E purtroppo questo è un problema tutto nostro. C’è qualcosa di marcio in Italia e non è colpa della moneta unica europea.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “Fosse solo l’euro

  1. Si parla sempre a chi dare le colpe,i nostri politici stanno a criticarsi tra di loro invece di pianificare qualcosa di serio per la “nostra” Italia!!! ma fondamentalmente chi ne va di mezzo siamo noi cittadini,sono 3 anni che c’è questa crisi e ancora stanno a valutare l’entita del problema,senza valorizzare quello che sta succedendo in questa nostra società,fanno e rifanno manovre,ma ancora non hanno capito quello che i cittadini vogliono!!! noi vogliamo i “fatti” si sta morendo ogni giorno un po!!!
    -Le tasse sono alte!!!
    -Gli stipendi dei parlamentari sono alti!!!!
    -Le auto blu sono troppe!!!
    -Ci sono “personaggi” che dopo un giorno di politica prendono una pensione di 3000£,ci sono “personaggi” che dopo 68 giorni di politica prendono una pensione di oltre 3000£.,noi dobbiamo lavorare 40 anni!!!!
    -C’è la polizia che non ha soldi per la benzina delle volanti!!!
    -Abbiamo un presidente del consiglio ch’è stato “deriso” in una riunione europea!!!(il video e facile da trovare sul Web)
    -Abbiamo dei politici che continuano a sbagliare e percepiscono uno stipendio!!!!
    -Non siamo indignati “NOI SIAMO INCAZZATI NERI”

    Mi vergogno di essere governato da persone “ignoranti”,non si devono neanche presentare nelle trasmissioni televisive,alimentano con le loro parole la rabbia delle persone!!!!

  2. “Credo che la politica del futuro possa nascere SOLO dall’anti politica” queste Dr. Banfi sono parole sue, ma qual’è l’anti politica ?
    La storia ci restituisce un macabro epilogo, l’anti politica è la rivoluzione, sanguinosa, armata, che lascia sul terreno molte vittime anche innocenti, perchè deve essere sempre così ?
    Personalmente non sono daccordo, la violenza genera altra violenza, non sono daccordo con i black bloc, ma sempre più spesso credo che non si possa sovvertire il corso della storia, e la storia reclama vittime, come accaduto per la primavera araba, l’anti politica forse è Matteo Renzi, forse una solenne bufala, ma almeno ha il coraggio di dire che la politica deve essere “come lo yogurt” con la data di scadenza.
    Io so che lei sa … la condizione del popolo è allo stremo, cassa integrati, disoccupati, poveri che un tempo erano persone normali, con una vita e dei sogni da realizzare, una dignità da difendere, oggi non sono che un popolo invisibile, è possibile cambiare tutto senza vittime ? E’ possibile cambiare tutto senza armi ? La storia dice di no, e la storia non mente mai.

    MZ

    • L’anti politica è la voglia di impegnarsi fuori dal sistema, senza accettare le ” regole” non scritte del privilegio e del nepotismo della casta. Ma sono d’accordo con lei, va di pari passo con la non violenza. Che per me è un discrimine fondamentale. Niente di buono può nascere dall’uso della forza. La grande lezione di Aldo Capitini era valida per l’antifascismo, figuriamoci per il cambiamento della Seconda Repubblica!

  3. L’Euro, per Prodi la medicina contro tutti i mali, abbiamo pure pagato per entrare nell’Euro, eravamo tutti goduti di far parte della moneta unica, ma … lo stipendio di un operaio è stato esattamente adattato alla nuova moneta, cioè 1 Milione di lire sono diventati circa 500€, ma l’affitto delle case è passato da 400.000 Lire a 400€, se va in un negozio di scarpe quelle che costavano 100.000 Lire, oggi costano 100€, cioè il doppio.
    E’ stata come una magia convertire 100.000 Lire in 193.627 Lire senza neppure impegnarsi tanto, nessuno dei nostri cari GOVERNANTI ha vigilato su questo, lasciando tutto così come era esattamente, credo neppure HOUDINI sarebbe riuscito in tale virtuosismo magico, i nostri politici ci sono riusciti e noi ci siamo fatti fregare … In nome del popolo Italiano GRAZIE.
    MZ

  4. Ottima trasmissione, vorrei segnalarLe che siamo un folto gruppo di dinamici “vecchietti” che da sempre hanno seguito l’evolversi del debito pubblico e vorremmo se fosse possibile partecipare ad una sua trasmissione da un bar in Anguillara Sabazia, dove ci potrebbe essere una foltissima partecipazione di pubblico e dimostrare con una lavagna gli avvenimenti che hanno portato al collasso della nostra economia, che mi creda non è certamente colpa di Berlusconi e del suo governo. In Italia, purtroppo la classe politica e quella finanziaria e industriale e senza MORALE, e a rimetterci è il Paese e i suoi cittadini. Le chiedo; sarebbe mai possibile esaudire questa nostra richiesta? Vorremmo dare un contributo alla sua trasmissione e far capire in modo semplice la ragione per cui ci troviamo in questa situazione. Cordiali saluti
    Francesco Tarallo
    ex assistente parlamentare
    On.le Massimo Romagnoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *